martedì 4 marzo 2014

Quello che non vi dicono sui Nodi di Hartmann

Gamma
La rete di Hartmann viene de finita come una griglia di passo 2 m per 2.5 m ricoprente l’intero pianeta Terra e uscente radialmente da esso. Le geopatie sono invece tutte le patologie che possono manifestarsi a causa dello stazionamento sulle zone di incrocio di questa rete, dove si hanno i nodi di Hartmann, o nodi radianti. Questa visione ha iniziato a diffondersi grazie ad Hartmann, il ricercatore da cui la rete prende il nome, successivamente alla pubblicazione di Krankheit als Standortproblem nel 1951 e ha poi riscosso moltissimo successo fra i ricercatori indipendenti e i circuiti culturali alternativi e ai giorni nostri negli ambienti New-Age, dove il benessere e la salute sono considerati aspetti collaterali ma fondamentali di un corretto sviluppo spirituale.
La medicina ufficiale spesso bolla le teorie di Hartmann come “credenza popolare”  a causa del fatto che si sono diffuse proprio in quegli ambienti fatti di persone che non digeriscono l’allopatia e gli interessi farmaceutici e che, diciamolo, pur mosse da ottime intenzioni, spesso fanno fatica a dare spiegazioni concrete. Lo stesso Hartmann parlava di generici “Raggi della Terra”, senza dare chiarimenti ulteriori, ma limitandosi ad affermare che stazionare su questi punti può portare a disturbi anche gravi, ad esempio a certe forme di tumore.
Nella realtà dei fatti, dall’epoca in cui sono state gettate le basi della geobiologia (la branca del sapere che studia questi nodi), sono stati fatti passi da gigante, esistono evidenze scientifiche che dimostrano che lo stazionamento su alcuni punti piuttosto che su altri modifica il terreno biologico, e quella “forma di energia negativa” che era stata solo intuita da Hartmann (e che a quanto pare poteva percepire soggettivamente) può essere isolata e misurata con adeguate strumentazioni scientifiche.
Questo fatto probabilmente può causare un po’ di ansia a chi eventualmente dovesse avere interessi nel campo della salute. Non sto parlando solo di case farmaceutiche, ma anche di chi ha iniziato a commercializzare una serie di dispositivi che dovrebbero riparare da questi temibili nodi. Già, perché i nodi esistono, ma fino ad ora le soluzioni sono state sempre troppo costose e fondamentalmente inutili. Vuoi per truffa, vuoi per ignoranza.
I “Raggi della Terra” che fuoriescono dai nodi di Hartmann sono infatti radiazioni gamma-ionizzanti, come ha ampiamente dimostrato  l’Arch. Limardo, uno dei massimi esponenti italiani nell’ambito della sicurezza ambientale, che ha notato infatti, grazie a una particolare sonda collegata a un contatore Geiger, che su questi incroci le radiazioni possono aumentare anche del 60-70%. E’ come se i nodi fossero delle “corsie preferenziali” per questo genere di radiazione. Faccio notare che i raggi gamma sono più potenti dei raggi X e che quelli naturali, di cui stiamo parlando, hanno una potenza tale da “superare” con facilità oltre 40 cm di piombo. Il problema è quindi un problema di radiottività, che è in grado di modificare lo spin elettromagnetico cellulare della zona colpita. Hartmann aveva ragione, “da li esce qualcosa”! State però attenti alle truffe e al genere di dispositivo venduto: gli unici effettivamente funzionanti sono registrati presso il Ministero della Salute come Dispositivi Medici. Ora che conoscete la reale natura del problema, state quindi alla larga dai vari rimedi esoterici contro i Nodi di Hartmann e, se possibile, segnalatemi eventuali venditori di spazzatura (in alcuni casi rischiano anche pene severe). Per concludere, vorrei far notare che le radiazioni gamma ionizzanti sono segnalate dallo IARC in classe I, cioè come “sicuramente cancerogene”. Inoltre i metalli pesanti non vengono drenati correttamente da un corpo irradiato e la radiazione tellurica è statisticamente presente circa ogni due metri e mezzo.
L’articolo è stato scritto in esclusiva per questo sito da OrdinataMente, curatore dell’omonimo blog. Eventuali interessati all’argomento possono contattare l’Autore cliccando qui. Sarà sua cura dare più informazioni possibili a persone che credono di essere irradiate (e che quindi possono soffrire di vari disturbi, di qualche malessere cronico, di insonnia o che “si svegliano più stanchi di quando sono andati a letto”) e vorrebbero accertarsene attraverso esami medici specifici o anche solo attraverso dei test indiretti.

1 commento:

  1. Volevamo informare che noi della Bioriposo abbiamo sviluppato da 30 anni gli "SCANNER DI HARTMANN"con cui possiamo individuare i suddetti nodi di Hartmann in maniera scientifica e riproducibile.
    Per chi fosse interessato rivolgetevi a Bioriposo tel.0423 9108 75
    email:// bioriposo@bioriposo.com

    RispondiElimina

SALVA O STAMPA IL POST IN PDF

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

CORRELATI

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...