venerdì 25 ottobre 2019

L’atopos è il vero nemico del sistema

L’atopos è il vero nemico del sistema
Colgo l’occasione della rilancio dell’articolo che seguirà per evidenziare alcuni concetti che spesso ci sfuggono, ma che fanno parte integrante di ognuno di noi.

Ormai essere diversi è divenuta una moda, una gara, un must, essere come tutti gli altri è invece davvero deprimente. Ma essere diversi è davvero edificante? E per quanto tempo riusciremo a tarpare le nostre più profonde percezioni di noi stessi? 
Non ci siamo accorti che il diverso è comunque tenuto all’interno di range comportamentali e quindi di pensiero ben definiti? 

Essere “diversi” va bene solo fino a quando non si incontra il vero sé, subito dopo tutte le classificazioni cadono miseramente ai nostri piedi poiché rivelatesi anch’esse delle illusioni.
Oggi, infatti, tutte le definizioni attribuite alle persone-individui speciali e/o diversi, anche quelle genuine, servono o sono comunque strumentalizzate dal sistema sempre per incasellare e quindi controllare il comportamento e l’evoluzione di tali soggetti altrimenti non gestibili.

Quando invece si riconosce il proprio e vero sé, cosa tutt’altro che facile come invece vorrebbero farci credere solo per farci sentire diversi, ma gestibili, tutto cambia e cambia continuamente e per sempre; le “scatole descrittive” del nostro “essere” rivelano i loro opprimenti limiti ed i confronti diventano inutili, insensati.
Fuori dagli schemi conformativi e competitivi che contraddistinguono questa ingannevole società si trovano quegli individui che hanno ben compreso chi sono ed il loro potere, quelli capaci di creare la realtà desiderata, non quella voluta(imposta) dai padroni del mondo, per tale motivo questi soggetti sono i più pericolosi in quanto di cattivo esempio per il gregge.
Per creare la realtà
devi avere l’assoluta certezza di essere un Dio*
in tal modo la realtà seguirà ogni tua volontà
e per te sarà una normalità.       *creatore
(Fonte Pensieri Sfusi 21 – Blog Mente Olistica)
E’ difficile, ma necessario, oggi più che mai uscire dai paradigmi di un sistema che ha previsto oramai tutto, compresa la nostra individuale diversità, è opportuno riscoprire nel profondo ciò che veramente si è: unici, indescrivibili, sicuri di sé, fuori contesto pertanto inadatti ad una struttura(matrix) per la quale è imperativo catalogarti… per controllarti.
Pochi, sparuti e a volte insospettabili,
siamo incrollabili nel creare
“scenari” auspicabili - (fonte)
Questi individui singolari ai tempi di Socrate venivano chiamati “atopos”, diversi da tutto ciò che era diverso, incomparabili, unici.
Marcello Salas

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

  Non aspirare ad essere diverso dagli altri, sii un “atopos”

“Oggi tutti vogliono essere diversi dagli altri. Ma nel desiderio di essere diversi continua l’uguale”, scrive il filosofo Byung-Chul Han.
Essere autentici è praticamente diventato un imperativo sociale, un imperativo che abbiamo interiorizzato a tal punto che per molti è diventato il filo conduttore della loro vita.
E se stessimo sbagliando? E se la ricerca della differenziazione ci rendesse sempre più uguali? E se il discorso normalizzato ci allontanasse progressivamente dalla nostra essenza facendoci diventare esattamente ciò che intendiamo evitare?

Il terrore dell'uguale
L’aspirazione all’autenticità e la necessità di differenziazione provengono dal nostro profondo desiderio di trascendere. Dobbiamo vivere nella società e, quindi, condividere alcuni dei suoi valori e rispettare alcune delle sue norme comportamentali. Ma abbiamo anche bisogno dell’ossigeno psicologico che deriva dalla libertà di scelta che ci permette di essere noi stessi.
Di conseguenza, l’uguale ci spaventa perché è sinonimo di indifferenziazione, è come se il nostro “io” si diluisse nella massa facendoci perdere la nostra identità, ciò che ci rende noi stessi. Nel fondo, il terrore dell’uguale è un’espressione sublimata della paura della morte. Differenziarci dagli altri non solo ci permette di eccellere, ma ci riafferma come persone uniche e garantisce la sopravvivenza dell’ego chiuso nella nostra mente.
Certo, voler essere noi stessi non è male. Non è sbagliato cercare di capire chi siamo ed esprimerlo. Il problema inizia quando la ricerca della differenziazione e dell’autenticità ci fa entrare in un labirinto senza uscita che porta all’omogeneizzazione.

L'atopos perduto
Socrate era un filosofo particolare. Così unico che i suoi discepoli si riferivano a lui come ad un atopos, parola di origine greca che veniva comunemente usata per indicare ciò che è fuori posto, strano o inaudito, ma indicava anche “l’altro che non tollera alcun confronto” perché ogni attributo che si pretenda utilizzare per fare il parallelismo sarebbe necessariamente falso, goffo e mortificante.
Socrate era quindi incomparabile e unico, che non è lo stesso che essere diverso o autentico. Byung-Chul Han spiega la differenza: “la singolarità è qualcosa di totalmente diverso dall’autenticità. L’autenticità presuppone la comparabilità. Chi è autentico, è diverso dagli altri”. Tuttavia, un atopos è incomparabile, il che significa che “non solo è diverso dagli altri, ma è diverso da tutto ciò che è diverso dagli altri”.
Un atopos è una persona sicura di sé, che non ha bisogno di confrontarsi o cercare una conferma esterna della sua unicità. Così riesce a liberarsi dalla necessità di essere diverso, perché semplicemente È, con la maiuscola.
Non è un semplice gioco di parole, né una disquisizione terminologica o una acrobazia filosofica, ma un’importante differenziazione che si è persa nel corso dei secoliprobabilmente intenzionalmente – per evitare l’unicità in una società che ha un disperato bisogno di omogeneizzazione.

Infatti, Byung-Chul Han ritiene che la proliferazione dell’uguale sia la patologia di cui soffre la nostra società, una società che espulsa la negatività rappresentata dall’altro senza ricorrere alla repressione ma usando meccanismi psicologici più sottili.
In un regime totalitario, è facile distinguere i meccanismi di espulsione del diverso, poiché vengono utilizzati la repressione, la coercizione, la censura e la restrizione di ogni tipo di libertà. In una società apparentemente libera questi meccanismi sono più complessi, ma ci incatenano altrettanto pesantemente, anche se con catene invisibili.

Libertà senza liberazione
La nostra società ci offre la libertà senza liberazione. Ci chiede di differenziarci, ma solo entro certi limiti. Ci chiede di essere autentici, ma ci costringe a confrontarci. Ci chiede di essere unici, ma anche di competere con gli altri. Sopraffatti da queste contraddizioni, non è strano che terminiamo per soffocare la nostra unicità.
“La cultura del confronto costante per essere uguali non consente alcuna negatività del atopos. Tutto lo rende comparabile; cioè, uguale. Questo rende impossibile l’esperienza dell’altro atopico. La società dei consumi mira ad eliminare l’alterità atopica a favore delle differenze consumabili ed eterotopiche […] La diversità è una risorsa che può essere sfruttata. In questo modo si oppone all’alterità, che è riluttante a qualsiasi sfruttamento economico”, dice Byung-Chul Han.
O come dise Noam Chomsky: hanno capito che era più facile creare dei consumatori che sottomettere degli schiavi”. Ogni volta che ci confrontiamo, riduciamo la nostra ricchezza e unicità a schemi che consideriamo validi, come se essere più intelligenti, più ricchi, più socievoli o più audaci degli altri significasse qualcosa. Quando ci confrontiamo, usiamo il metro della società e lo consideriamo valido – più o meno consapevolmente – allontanandoci un po’ di più dalla nostra essenza.

Sfortunatamente, siamo così immersi in quel tipo di pensiero, che non ci rendiamo conto di vivere in uno stato di “conformità potenziata”, un meccanismo molto più efficiente dell’omogeneizzazione repressiva delle società totalitarie perché ci mantiene nel circolo vizioso della competizione sociale, accettando gli schemi di confronto che marcano i nostri obiettivi nella vita e che ci sono stati imposti da qualcun altro.
Byung-Chul Han spiega la trappola che nasconde questo meccanismo: “l’autenticità genera differenze negoziabili. Con ciò moltiplica la pluralità dei beni con cui si materializza l’autenticità. Gli individui esprimono la loro autenticità soprattutto attraverso il consumo. L’imperativo dell’autenticità non porta alla formazione di un individuo autonomo e sovrano. Quello che succede è piuttosto che il commercio ne approfitta completamente”.
Questo chiude il ciclo. Quanta più conferma esterna cercheremo della nostra autenticità, tanto maggiore sarà la dipendenza da tale conferma. Quanto più vorremo essere diversi, tanto più ci confronteremo. Come risultato, “l’io annega in se stesso”. E quella che avrebbe potuto essere un’entusiasmante avventura di scoperta personale diventa una grigia replica dell’uguale. Ma, sfortunatamente, pochi lo capiranno.
Fonte:
Han, B. (2017) La expulsión de lo distinto. Barcelona: Herder Editorial.

Jennifer Delgado Suárez

2 commenti:

  1. L’articolo e’ molto interessante poiche’ va oltre l’asfittico concetto sociale di “diversità” e, rimuovendo le scorie degli indottrinamenti ideologici, coglie il punto profondo dell’essere umano, il quale non nasce uguale o diverso, distinzione spuria, che vuole comporre masse, sia di conformi, sia di diversi, masse di ogni tipologia, piccole o grandi, masse sfruttabili come tali ~ I Poteri hanno riscontrato, nel trascorrere dei secoli, la impossibilita’ di mantenere adesa una univoca massa di sostegno attraverso dogmi o dictat, ed hanno dato spazio al concetto della diversita’, concetto pretestuoso e ambiguo, poiche’ riguarda molte bandiere ~ In realta ogni essere umano nasce unico, come le proprie impronte digitali, e come il seme vitale che opera solo in lui e per lui ~ Ma per creare le varie masse confluenti occorre un COLLANTE, qualsiasi esso sia, anche la diversita’ ~ Essa va definita in modo piu’ puro, ovvero come unicita’ sacra e misteriosa di ogni essere umano ~ Le etichette sono untuose e umiliano la persona, entita’ unica e preziosa, non surrogabile da nessun’altra ~ Il discorso e’ lungo e interessante, caro Marcello, al momento mi manca tempo utile! ~ Buona Domenica! ~ Paola Stellare

    RispondiElimina
  2. Colui che cambia il mondo è l'uomo che ama la solitudine e trova la sicurezza nella propria interiorità. Se ami la solitudine, e sei indipendente dal confronto e dalle conferme, il sistema si dissolve come una nuvola davanti a te, e allora sì che cambi il mondo, e diventi pericoloso.

    RispondiElimina

SALVA O STAMPA IL POST IN PDF

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

CORRELATI

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...