sabato 6 gennaio 2018

La statistica manipolata sui danni delle vaccinazioni

QUANTO MI SBATTONO I DATI MANIPOLATI (MALE)
Non ce la posso fare. E' più forte di me. Non riesco a capire come sia possibile che chi decide della salute di 60 milioni di italiani, faccia le valutazioni con la matematica inventata.
Tutti gli "scienziati" stanno martellando la popolazione con il concetto "mettetevi il casco perché 1 su 10 cade prima o poi dalla moto e il casco gli salva la vita".
Ma voi in motocicletta non ci andate. La moto non ce l'avete neanche.
Pazienza, ti risponderanno: "Metti il casco perché 1 persona su 10 prima o poi cade dalla moto. Non sei nessuno per dubitare del mio punto di vista. Io so cosa dico, tu no. Da domani, casco obbligatorio per tutti, anche se non hai la moto."

Eppure è quello che fanno gli illustri virologi, i presidenti delle associazioni di pediatria, e medici di famiglia da giugno.
Inventano numeri per terrorizzare la popolazione e costringerla a utilizzare i farmaci.

Da giugno circola infatti una frase ad effetto, che oramai tutti ripetono a pappagallo, dalle mamme ai presentatori TV di turno.
La frase, a prima battuta convince tutti:
"I danni da vaccino sono 1 ogni milione, mentre l'encefalite da morbillo colpisce 1 su 1.000."

CHI L'HA RIPETUTA A PAPPAGALLO?
1) Il senatore Piero Aiello (NCD discussione DL Lorenzin 11 luglio 2017)
https://www.youtube.com/watch?v=tjllKBGjvVQ
2) Il Prof Burioni (a proposito, buongiorno Prof!)
3) Il Dott. Mantovani anche nella recente intervista per FQM (foto sotto)
"Eventi avversi? Con l'antimorbillo il rischio più grave è un'encefalite in un caso su un milione, ma la malattia UCCIDE in un caso su tremila"
4) ASL Alto Adige
“Sta di fatto - ha continuato l'Azienda sanitaria dell’Alto Adige - che le complicanze dopo la malattia sono molto superiore a quelle che si possono riscontrare dopo la vaccinazione. Nel morbillo l'encefalite si sviluppa in un caso su mille dopo la malattia, dopo la vaccinazione in un caso su 1.000.000."
La lista dei partecipanti al gioco del telefono è lunga; elencarli tutti è praticamente impossibile. Vanno dai presidenti delle principali associazioni mediche a ministri e esponenti del sistema sanitario a vari livelli.

Costoro ti raccontano che sei un genitore scellerato a non vaccinare tuo figlio perché:
- danno da vaccino = 1 su 1.000.000
- encefalite da morbillo = 1 su 1.000
Quale genitore non correrebbe a fare il vaccino MPR con questi dati?

ECCO INVECE LA STATISTICA CORRETTA
Premesso che se si vogliono misurare pere con pere, non puoi in alcun modo misurare i danni dalla patologia X con le reazioni avverse da vaccino generico (come fanno i luminari). In tal caso devi misurare i danni da vaccino per la patologia X con i danni della patologia X, ma questo non sembra vogliano/possano farlo. Proviamo quindi ad attenerci alla misurazione di pere con mele e limitiamoci a vedere se i dati che espongono siano veri o meno (ogni commento di miglioramento del ragionamento è bene accetto se supportato dai dati).
Come afferma anche l'Istituto superiore di sanità nelle infografiche 2017, è vero: l'encefalite da morbillo copre lo 0,1% (quindi davvero 1 su 1.000).

Ma uno su QUALI 1.000?
Su tutta la popolazione dei vaccinati con cui si vuole fare il raffronto di cui parlano (quello dere reazioni avverse)?
No.
Uno su 1.000 di coloro che prendono il morbillo.

Ecco che le cose cambiano...
In Italia nel 2017 sono stati riscontrati 4.500 casi circa, ma la media del ciclo morbillare (che ogni 4 anni ha un anno di picco come quello del 2017), è di circa 1.500 casi l'anno.

Quindi, uno su 1.000 dei 1.500 casi l'anno, ha preso l'encefalite.
Per proporzione, 1 cittadino e mezzo l'anno in Italia prende l'encefalite da morbillo.
In tutta Italia.
In Italia siamo 60.000.000
1 cittadino e mezzo (1,5) su 60.000.000 (60 milioni) prende l'encefalite da morbillo l'anno.

Per proporzione, poichè 1,5 cittadini è un numero "strano" (un uomo e un mezz'uomo), abbiamo che:
1 cittadino su 40.000.000 prende l'encefalite da morbillo.

Il rischio di contrarre l'encefalite da morbillo in Italia, oggi, nel 2017, non è di 1 su 1.000, ma di 1 su QUARANTA MILIONI.

E le reazioni gravi avverse da vaccino?
Gli "scienziati" che devono difendere a tutti i costi i vaccini, affermano ossessivamente che le reazioni gravi da vaccino sono 1 su 1.000.000 quindi già stando così le cose, il danno da vaccino è 40 volte più frequente dell'encefalite da morbillo...
Peccato che i signori non abbiano letto il rapporto di AIFA 2017 (agenzia del farmaco italiano) in cui emerge un dato allarmante.

Solo per l'esavalente, in Italia, si sono contati di media, nel triennio 2014-2016, 7000 reazioni avverse l'anno, di cui 151 l'anno definite GRAVI.

Quindi, se contiamo che ogni anno nascono 450.000 bambini circa, ma che il 10% è figlio di famiglie novax (statistica di Repubblica) abbiamo 410.000 bambini l'anno circa che ricevono l'esavalente.

Si ottengono 151 reazioni avverse gravi l'anno su 410.000 vaccinati.
Quindi abbiamo una reazione grave ogni 2.700 vaccinati.
Ripeto: SOLO per l'esavalente.

Se poi si somma a MPR, e altri vaccini pediatrici, il numero delle reazioni gravi aumenterà ancora, ma purtroppo, il documento AIFA fornisce questi dati esclusivamente per l'esavalente, quindi a questo dobbiamo attenerci.

Ora, abbiamo scoperto che
- l'encefalite da morbillo incide su un cittadino ogni 40.000.000
- le reazioni avverse gravi da esavalente incidono su un cittadino ogni 2.700
Di cosa stiamo ancora discutendo?
Perché devono continuare ad imbottirci di cazzate?
Ahh.. quanto mi sbatte quell'uno su mille.

6 commenti:

  1. La trattazione è talmente sciocca che la proporrò come caso studio ai miei studenti.
    Ogni anno, in media, c'è un incidente mortale dovuto al fatto che il guidatore, essendo analfabeta, non ha saputo leggere correttamente i cartelli di pericolo. Un caso du 40 milioni di guidatori!
    Ma ogni anno si verificano mediamente altri 150 incidenti mortali per segnalazioni inadeguate!
    Ecco provato che essere un conducente analfabeta è una quisquilia rispetto al problema della cartellonistica insufficiente.
    Conclusione: aboliamo l'obbligo scolastico, così gli incidenti stradali saranno meno numerosi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che cazzata bestiale!

      Elimina
    2. Ma che paragone è? Probabilmente essendo un docente è talmente abituato al fatto che i suoi studenti non la contraddicano, che non si preoccupa nemmeno di fare esempi calzanti!

      Elimina
  2. PROFESSORE? ������ ma dai!?
    Conclusione: é lei quel 1 su 40 milioni che é andato a sbattere! No é sopravvissuto!
    Conclusione2: lei é professore di educazione fisica e sa contare solo, un due, un due, un due. No al due non ci arriva secondo me.
    Conclusione3: lei non ha capito niente e risponde alla cazzo, così anche chi leggerà il suo commento non potrà capire niente. No troppi giri di parole, lasci stare la conclusione 3 non potrebbe capire.
    Conclusione 4: obblighiamo I cittadini analfabeti ad aggiustare la segnaletica verticale, i bambini a ridipingere la segnaletica orizzontale e i pensionati li mettiamo sui crocevia al posto delle rotonde. Eh?
    Nemmeno... Altrimenti come si farebbe a speculare su tutti questi appalti!
    OK prof., mi prendo il mio due e ci rivediamo a settembre.
    Però Non è colpa mia se non ho studiato, mi è morto il gatto. ��

    RispondiElimina
  3. Expert Rev Clin Pharmacol. 2015 Mar;8(2):201-10.
    How statistical deception created the appearance that statins are safe and effective in primary and secondary prevention of cardiovascular disease.
    Diamond DM, Ravnskov U. Per approfondire https://www.dropbox.com/s/qrf4rlrcb14avn6/TRUCCHI%20STATISTICI%20ED%20ANALISI%20DEI%20VANTAGGI.pdf?dl=0&fbclid=IwAR1eMLO0QJRFngNdu0ZqCCYzEHSgsbwwOzQdbcJF8ipkmBq0tIxpFKgEUeI

    RispondiElimina

SALVA O STAMPA IL POST IN PDF

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

CORRELATI

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...