domenica 14 gennaio 2018

Le Età dell’Anima

Le Età dell’Anima

Avete già accennato più volte alle diverse età dell’Anima: potreste darcene una visione d’insieme?

L’età dell’anima è un processo evolutivo, un processo esperienziale che si estende per molte vite e che può essere suddiviso in determinati cicli. Noi distinguiamo cinque età dell’Anima:
1.      l’Anima neonata
2.     l’Anima bambina
3.     l’Anima adolescente
4.    l’Anima matura
5.     l’Anima vecchia

Ora vi indicheremo le caratteristiche delle singole età dell’anima.

L’anima neonata

Prima di incarnarsi per la prima volta, quest’anima non è mai stata nel mondo materiale. Da un lato è affascinata dal gioco che voi chiamate “vita”, dall’altro questo piano di realtà materiale le sembra spaventoso. Ha paura di questo mondo nuovo, ma nello stesso tempo se ne sente magicamente attratta, e supera questo timore incarnandosi in un nucleo familiare nel quale le viene offerta intimità in abbondanza, in cui regna la sicurezza affettiva, dove si sente appoggiata e non viene sottoposta ad alcuna pressione, dove per tutta la vita è accettata e accolta nella grande famiglia, nel clan, nel gruppo. Lì l’anima neonata si sente bene. Vive le prime incarnazioni quasi come in sogno, dà l’impressione di essere con la testa tra le nuvole, di non essere del tutto presente.
Nella grande famiglia può superare la sua paura, perché intorno a lei c’è sempre qualcuno. Non si trova mai nella situazione imbarazzante di essere sola in una stanza. Ha bisogno della vicinanza delle altre persone, per lei è qualcosa di molto importante perché è terribilmente insicura e ansiosa. L’anima neonata desidera avere sempre l’orlo di una gonna a cui attaccarsi. Ha bisogno di qualcuno di cui fidarsi ed è anche molto affezionata alla propria famiglia.
La sua più grande paura è uscire e trovarsi all’improvviso all’esterno da sola. Quest’anima neonata cresce gradualmente, questo ciclo prevede parecchie incarnazioni. A poco a poco abbandona l’orlo della gonna, e nel momento in cui molla la presa e muove i primi passi da sola verso l’esterno, entra nell’età dell’anima bambina.

L’Anima bambina

Il segno distintivo dell’anima bambina è la curiosità: vuole essere dappertutto, desidera sapere tutto, vuole vedere tutto, assistere a tutto e non perdersi niente. È interessata a tutto quello che succede, a tutti gli argomenti di conversazione degli altri. È presente nei luoghi in cui si lavora e desidera capire tutto. Assistere, osservare e porre domande sono le sue caratteristiche principali. Ama e prova curiosità per tutto ciò che c’è da vedere e da sentire, e assorbe avidamente tutte queste informazioni, come una spugna. Il suo più grande desiderio è far parte di qualcosa.
È anche in grado di svolgere lavori semplici, ma rifugge dai compiti impegnativi. L’anima bambina non è capace di pensare autonomamente e trarre conclusioni proprie dalle informazioni raccolte. In questa età è inoltre disposta a svolgere azioni e incarichi per altri, della cui portata la sua indole semplice non riesce a rendersi conto. Prende ogni informazione per oro colato. Man mano l’anima bambina reagisce e una volta uscita da questo ciclo, le verrà l’idea di saper fare tutto meglio ed entrerà così nella fase dell’Anima adolescente.

L’Anima adolescente

L’anima adolescente si precipita a fare esperienze ed è convinta di essere migliore degli altri. Vuole dare prova delle sue capacità, mettersi in mostra ed essere ammirata. Desidera essere perfetta. L’anima adolescente desidera cimentarsi in tutto quello che ha osservato e ascoltato nella fase dell’anima bambina. Nello stesso tempo è straordinariamente spericolata, per lei nessun obiettivo è troppo pesante, troppo grande, troppo caro o troppo pericoloso: vuole dimostrare al mondo di essere eccezionale.
L’anima adolescente non ha sicurezze interiori di alcun genere e in definitiva non è disposta ad assumersi responsabilità. Se uno dei suoi scopi va per il verso storto, è sostanzialmente colpa degli altri. Sopperisce alla mancanza di sicurezza con il lusso e l’apparenza. I suoi abiti saranno esclusivi, i suoi mezzi di trasporto appariscenti, come pure la sua abitazione. Ama mettersi in mostra e desidera far vedere al mondo quanto è efficiente e brillante.
Se la sua apparenza esteriore minaccia di scoppiare come una bolla di sapone, in caso di emergenza è disposta a ricorrere alla violenza, pur di mantenere l’immagine che si è faticosamente creata. Così facendo si lascia invischiare in bugie e azioni criminose. Spesso è intimamente lacerata e sconvolta, e fa di tutto per non percepire queste sensazioni. Per molto tempo, inoltre, si ritiene perfetta e cerca di trasmettere agli altri questa immagine di sé.
Nel profondo è insicura: le mancano le esperienze e i valori dell’anima matura. Al termine di questo ciclo può succedere che l’anima adolescente precipiti in un trauma profondo. Finora ha avuto come punto di riferimento solo le cose esteriori, ha lottato per mettersi in mostra e per il mantenimento della sua maschera perfetta. Tutto ciò le scivola all’improvviso dalle dita e lei si sente allo stremo delle sue capacità. Spesso a questo punto subentra il crollo: l’anima adolescente vede con chiarezza il proprio mondo fittizio, la propria maschera, comincia a dubitare di sé e si sente sfinita. Sta entrando nell’età dell’Anima matura.

L’Anima matura

Anche l’anima matura tende a fare delle esperienze, ma per lei è importante capirle, analizzarle criticamente ed elaborarle interiormente. Non si butta più alla cieca nelle cose, ma sceglie con attenzione le situazioni in cui vuole sperimentarsi. Durante il ciclo dell’anima adolescente, ha collezionato molte esperienze che si sono avvicendate così alla rinfusa da non lasciarle il tempo di elaborarle interiormente, ma ora questa fase si è conclusa.

Adesso l’anima stabilisce nuove priorità e nuovi valori; percepisce i propri sentimenti e aspira alla verità e all’autenticità. Ha uno spiccato senso della giustizia e lascia cadere la sua vecchia maschera protettiva e l’apparenza esteriore. A volte teme ancora di non essere accettata dagli altri per quello che è. Tutto questo ciclo evolutivo si compie nella sua interiorità e pertanto ha bisogno di trascorrere del tempo da sola: tempo per rimuginare, sentire, capire, e tempo per individuare il proprio punto di vista.
Mentre l’anima adolescente faceva di tutto per evitare di essere da sola e arrovellarsi sulle cose, per l’anima adulta la solitudine diventa una necessità. Muore dalla voglia di scoprire che cosa si svolge dentro di sé e spesso aderisce a gruppi di auto-aiuto per comprendere meglio se stessa e gli altri in un ambiente protetto. Mentre l’anima adolescente trasmetteva conoscenze puramente nozionistiche, quella matura si cala in un nuovo contesto, quello della conoscenza per esperienza. Nella fase finale di questo ciclo attribuisce poco valore ai titoli, che invece per l’anima adolescente erano ancora un fiore all’occhiello. Questo era il ciclo dell’anima matura, a cui segue quello dell’Anima vecchia.

L’anima vecchia

L’anima vecchia è spirituale di natura, eppure può succedere che non si occupi consapevolmente di spiritualità. Ha accesso spontaneo alle immagini interiori e alle esperienze limite meditative, e lavora coscientemente con le energie o percepisce chiaramente la propria voce interiore, connette la propria coscienza alle entità superiori, ampliando così la sua concezione del mondo.
Ci sono sempre parecchie possibilità di sviluppare la propria divinità e il proprio potenziale. L’anima vecchia ha riconosciuto chiaramente la propria strada e la segue imperterrita. Avrebbe eccezionali doti dirigenziali perché è equilibrata e non cerca più di convertire gli altri, perché è naturalmente e autenticamente divina.
È salda come una roccia ed emana tranquillità, pace, autorevolezza e sicurezza nell’ambiente che la circonda, anche nei momenti in cui regna il caos. È una fonte dell’essere. E qui c’è un parallelismo con l’anima neonata, a proposito della quale avevamo detto che nelle sue prime incarnazioni sogna di entrare nella vita. All’anima vecchia succede l’esatto contrario: essa, infatti, sogna di uscire dalla vita.
Spesso è in contatto con la sua patria spirituale grazie alle immagini interiori o alla comunicazione interiore, ma dispone della facoltà di passare rapidamente da uno stato all’altro e sistemare le faccende in ambito materiale. Si dedica volentieri a se stessa, ai suoi molteplici talenti, ai suoi pensieri, immagini ed energie. Il suo sapere interiore e la sua contemplazione mentale le svelano le leggi della vita. Occuparsi di queste cose le procura una grande gioia.
Ha conseguito il proprio potere personale e dispone di una grande forza animica, dato che si trova nel processo di rifusione con i propri fratelli e sorelle di anima. È caratterizzata da una grande pace interiore e da autenticità. Al termine di questo ciclo, farà ritorno per sempre alla sua patria spirituale.


Ecco quanto volevamo comunicarvi a proposito delle età dell’anima.
C’è però anche un altro aspetto che gradiremmo illustrarvi. Tutti gli esseri umani che attualmente si trovano con voi sulla Terra, hanno già alle spalle numerose incarnazioni. Nessuno di voi è qui per la prima volta: ci siete già stati tutti svariate volte prima d’ora.
Inoltre, ogni volta che ritornate sulla Terra in un nuovo corpo, attraversate il periodo neonatale, quello infantile, quello adolescenziale e, chi prima e chi dopo, a un certo punto diventate adulti. E nel frattempo vivete ancora una volta il vostro percorso evolutivo animico personale: ripercorrete la fase dell’anima neonata, quella dell’anima bambina, quella dell’anima adolescente e vi evolvete fino al grado che avevate raggiunto nella vostra incarnazione precedente. Dopodiché è ovvio che la vostra evoluzione procede ulteriormente! In un certo senso elaborate in accelerazione lo sviluppo del vostro ciclo di incarnazione.
Per questo è possibile che ci sia un periodo in cui tendete alla perfezione, assorbite chiacchiere e pettegolezzi, siete molto attivi a livello professionale, siete violenti o militanti, attraversate le vostre crisi personali e la sofferenza, vi rivolgete alla vostra interiorità e trovate delle soluzioni. Ognuna di queste fasi è legittima. Non vi lamentate di voi stessi! Ripercorrete a gran velocità le vostre incarnazioni passate e i passi evolutivi sperimentati, non in maniera dettagliata, ma piuttosto rivivendo i vari cicli nel corso di questa esistenza e superandoli.
Molti di voi ricordano di avere preferito altri film quando erano giovani, di aver avuto altri idoli e altri valori, e queste inclinazioni provengono probabilmente da un’incarnazione passata nella quale avevate un’anima adolescente. Poi la cosa si risolve e voi continuate a evolvervi.

Vi trovate, attualmente, su un piano temporale molto turbolento, un piano nel quale la trasformazione è all’ordine del giorno e vi può succedere da un momento all’altro di lasciare l’età animica che avevate memorizzato, per passare a quella successiva. Vi può quindi capitare di passare dall’anima adolescente a quella matura, o dall’anima matura a quella vecchia. In genere si resta per diverse vite nella stessa età animica, ma nella vostra epoca è diverso.
Siate benedetti, è Confucio che vi ha parlato.
Confucio – canalizzato da Sergio Cupidi – Sito web: https://dna7akashico.it

1 commento:

SALVA O STAMPA IL POST IN PDF

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

CORRELATI

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...