domenica 25 ottobre 2015

La scienza non può!

La scienza non può!
La scienza non può:
spiegare la vera forza del mio cuore;
spiegare la potenza innata dei miei pensieri;
spiegare l’impatto sulla realtà delle mie intenzioni;
spiegare la vastità ed intensità delle mie emozioni;
spiegare la portata del mio amore;
spiegare come faccio a percepire quello che lei non può vedere;
spiegare come mantengo la mia salute senza le sue amorevoli cure;
spiegare la congiunzione col tutto che sento di avere;
spiegare la mia spiritualità, le mie intuizioni, le mie precognizioni, i viaggi fuori di ”me”, i miei sogni mentre dormo e da sveglio; ecc. ecc.

La scienza è uniformante per eccellenza, tutto deve essere riportato a dei valori comuni, ma io, noi, non siamo comuni, non siamo uniformi, siamo unici ed ognuno speciale.

La scienza può dirmi molte cose, forse troppe, ma nessuna di quelle che mi importi veramente, che mi aiuti ad essere me stesso, a vivere la mia individualità.
Percepisco(concetto di difficile spiegazione scientifica) nettamente la scienza come un potente strumento del sistema, una ferrea limitazione alle enormi potenzialità umane, nessuna di esse ripetibile e quantificabile.

La mia amata(di un tempo) scienza me l’hanno inculcata a mia insaputa affascinandomi con le sue mirabolanti capacità di calcolo e precisione e per molto tempo ho pensato che lei mi avrebbe fatto capire il mondo e la mia vita. Alla fine l’ho lasciata, l’ho lasciata al suo destino dopo essermi avveduto dell’inganno di quei dogmi, di quegli sterili calcoli fin troppo riduttivi rispetto alle mie grandi necessità di conoscenza, soprattutto di me, l’ho lasciata a chi si vorrà ancora far cullare dalle sue molte illusioni.

La scienza è stata introdotta a forza e con l’inganno per delimitare il tutto, pur coscienti che il tutto è infinito ed indefinibile e noi ne facciamo parte.

Nessuno me ne voglia, ma ho aspettato tanto ed invano che la scienza mi facesse comprendere chi sono e cos’è la vita, oggi per me continuare ad accettare e credere ancora in questo metodo riduzionistico d’indagare la vita significherebbe continuare a limitare l’immenso che ho dentro, l’immenso che sento, l’immenso che sono e che tutti noi siamo.

Solo trascendendo la scienza si può ambire a comprendere ciò che siamo veramente.
Marcello Salas

1 commento:

  1. Esternazione terribilmente vera e bella al tempo stesso.Una coraggiosa rivendicazione del senso della propria esistenza non formulabile dalla scienza nei termini e nei parametri che sono la sua peculiarita che non contemplano valori spirituali e morali che fanno creature ad immagine di Dio.

    RispondiElimina

SALVA O STAMPA IL POST IN PDF

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

CORRELATI

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...