mercoledì 25 marzo 2020

La profetica esercitazione di ottobre 2019 di una pandemia da coronavirus (Event 201)

LA PROFETICA ESERCITAZIONE DI OTTOBRE 2019 DI UNA PANDEMIA DA CORONAVIRUS
25 Marzo 2020
Già il 18 settembre usciva la notizia che «il Johns Hopkins Center for Health Security è stato incaricato dal Global Preparedness Monitoring Board (GPMB) di valutare lo stato di prontezza per una pandemia patogena respiratoria ad alto impatto». 
In molti hanno avanzato dubbi sulla casualità dell’esercitazione, tanto che il Johns Hopkins Center for Health Security ha rilasciato una dichiarazione in cui affermano che la simulazione non era una previsione. – Foto dal trailer Contagion Vedi qui 

La profezia di Bill Gates sul coronavirus

Il 18 ottobre 2019 a New York andava in scena una simulazione che nel giro di poche settimane sarebbe diventata reale: «Event 201 simula un’epidemia di un nuovo coronavirus zoonotico trasmesso dai pipistrelli ai maiali alle persone, che alla fine diventa efficacemente trasmissibile da persona a persona, portando a una grave pandemia. L’agente patogeno e la malattia che provoca sono modellati in gran parte sulla SARS, ma è più trasmissibile nel contesto comunitario da persone con sintomi lievi».
Déjà-vu? Sì. La stiamo vivendo in questo momento quella grave pandemia da coronavirus. Ma cos’è l’Event 201? Una simulazione organizzata dal Johns Hopkins Center for Health Security in collaborazione con il World Economic Forum e la Bill and Melinda Gates Foundation.
Un lavoro sulle pandemie che dura da anni
Sul tema della pandemia, Bill Gates sta lavorando da molto tempo. Lo dimostra anche un video, che in questi giorni sta diventando virale, di una conferenza tenuta dal fondatore di Microsoft (che proprio alcuni giorni fa ha lasciato i vertici dell’azienda) nel 2015.
«Quando ero un ragazzo, il disastro di cui ci preoccupavamo era la guerra nucleare. Oggi la più grande catastrofe possibile non è più quella. Se qualcosa ucciderà 10 milioni di persone nelle prossime decadi, è più probabile che sia un virus molto contagioso e non una guerra. Non missili ma microbi». Queste le parole pronunciate da Bill Gates, durante quella conferenza.

L’esercitazione prima del contagio reale
L’esercitazione andata in scena a New York il 18 ottobre scorso, mirava ad illustrare le aree in cui saranno necessarie partnership pubblico/privato per rendere efficiente la risposta a una grave pandemia e ridurre le conseguenze economiche e sociali su larga scala. È poi del 31 dicembre l’allarme lanciato dalla Cina, che informava l’Organizzazione mondiale della sanità di una serie di casi di una malattia simile alla polmonite, la cui causa era però sconosciuta. Da lì a poco si sarebbe poi individuato il focolaio di Wuhan, e il resto della storia è, purtroppo, noto.

Lo scenario: una pandemia nata da un allevamento di maiali in Brasile
Sul sito dedicato ad Event 201, si legge che «negli ultimi anni, il mondo ha visto un numero crescente di eventi epidemici, pari a circa 200 eventi all’anno. Questi eventi sono in aumento e perturbano la salute, l’economia e la società. La gestione di questi eventi mette già a dura prova la capacità globale, anche in assenza di una minaccia pandemica. Gli esperti concordano sul fatto che è solo questione di tempo prima che una di queste epidemie diventi globale: una pandemia con conseguenze potenzialmente catastrofiche. Una pandemia grave, che diventa «Evento 201», richiederebbe una cooperazione affidabile tra diversi settori, governi nazionali e le principali istituzioni internazionali».
Ma per Event 201 è stato immaginato uno scenario reale e molto ben dettagliato, che è il seguente: la malattia inizia a svilupparsi in alcuni allevamenti di suini in Brasile, all’inizio in modo tranquillo e lento, per poi diffondersi più rapidamente. Quando inizia il contagio da persona a persona nei quartieri a basso reddito e densamente popolati di alcune delle megalopoli del Sud America, l’epidemia esplode. Viene esportata prima in aereo verso il Portogallo, gli Stati Uniti e la Cina e poi in molti altri paesi. Anche se all’inizio alcuni paesi sono in grado di controllarla, continua a diffondersi e ad essere ritrasmessa, e alla fine nessun paese riesce a mantenere il controllo. Non c’è alcuna possibilità che il vaccino sia disponibile prima dell’anno. Esiste un farmaco antivirale fittizio che può aiutare i malati, ma non limita in modo significativo la diffusione della malattia. Poiché l’intera popolazione umana è suscettibile, durante i primi mesi della pandemia, il numero cumulativo di casi aumenta in modo esponenziale, raddoppiando ogni settimana. E man mano che i casi e i decessi si accumulano, le conseguenze economiche e sociali diventano sempre più gravi.
Lo scenario ipotizzato per Event 201 si conclude a 18 mesi, con 65 milioni di morti. La pandemia comincia a rallentare a causa della diminuzione del numero di persone suscettibili: la pandemia continuerà a propagarsi fino a quando non ci sarà un vaccino efficace o fino a quando l’80-90 % della popolazione mondiale non sarà stata esposta. Da quel momento in poi, è probabile che si tramuti in una malattia infantile endemica.
Questa era l’ipotesi. Ora stiamo a vedere la realtà quale è.
https://www.youtube.com/watch?v=6Af6b_wyiwI&feature=emb_logo
https://www.youtube.com/watch?v=AoLw-Q8X174&feature=emb_logo
IMPORTANTE!: Il materiale presente in questo sito (ove non ci siano avvisi particolari) può essere copiato e redistribuito, purché venga citata la fonte. NoGeoingegneria non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale ripubblicato.Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
Correlati:

2 commenti:

  1. da www.mednat.org
    Nei corpi sani NON SI TROVANO MAI, i virus cosiddetti impropriamente patogeni, salvo quelli ingegnerizzati in laboratori farmaceutici ed introdotti con i VACCINI appositamente per creare reazioni immunitarie anomale e quindi per ammalare. I TECNICI OPERATORI CHE LI PREPARANO, CIOÈ LI "SCRIVONO", COPIANDOLI DALLA NATURA, CIOÈ PREPARANDO VIRUS E/O BATTERI O SPORE, COMUNQUE ETEROLOGHI - VEDI SOPRA: (E) = ESTRANEI, CIOÈ TOSSICI AGLI ESSERI VIVENTI NEI QUALI VENGONO SUCCESSIVAMENTE INTRODOTTI, SI CHIAMANO “VIRUS WRITER”, COME QUELLI CHE CREANO I VIRUS INFORMATICI = CREATI DAI RICERCATORI NEI LABORATORI DI BIG PHARMA.
    La siringa è paragonabile al modem che permette l'accesso al WEB (vedi: Uomo psicoelettronico) che è paragonabile al sangue-linfa del corpo vivente, ed il capside che contiene le proteine complesse a DNA, cioè i virus, all’e.mail contenente il virus che si può ricevere nel PC e che destabilizza il sistema operativo del PC stesso..
    Il sistema operativo di un PC è paragonabile al sistema immunitario (S.I.), degli esseri viventi, anche se quest'ultimo (S.I.), è molto più complesso, essendo un programma che si autoprogramma con le informazioni che acquisisce man mano che l'essere cresce.
    Il virus biologico eterologo=estraneo, come quello informatico, contiene un file o porzione di esso (piccolissimo programma-software) che contiene informazioni tossiche per il sistema operativo o sistema immunitario (software dell’organismo vivente) che ne viene alterato in OGNI CASO, ma ed in specie il DNA mitocondriale.
    Una volta inserito nel DNA mitocondriale, per mezzo delle funzioni della cellula, quel micidiale “file” tossico verrà "distribuito" con due linee di azione: una per mezzo del meccanismo derivante dal DNA antenna (a radiofrequenza) e per mezzo della distribuzione del contenuto virale del Vaccino (ogni iniezione inserisce circa 1.500.000 unità di proteine complesse virali a DNA) all’intero organismo, perché veicolato dal sangue (rete WEB corporea) alle varie cellule dell’organismo, le quali altereranno immediatamente le loro funzioni, oltre a reagire in modo anomalo - vedi sotto le dichiarazioni dello scienziato Koch in (B), sia per le proteine eterologhe = estranee, del capside del virus, sia per quelle funzioni riguardanti la sintesi e specializzazione delle proteine, alterando quindi il metabolismo e generando malnutrizione cellulare e nei tessuti corrispondenti, alterazioni e quindi malfunzione anche degli organi (sistemi) ai quali quelle cellule e tessuti appartengono lavorando per ed in essi.
    La malfunzione del sistema operativo (immunitario e corporeo) è quindi assicurata, sia immediatamente più o meno intensamente, sia nel tempo a seconda del tipo e qualità del sistema immunitario e corporeo del soggetto ricevente…. con grande gioia di Big Pharma che crea e distribuisce malfunzioni, dolore, sofferenza…. e ne ricava guadagni miliardari in Euros o dollari. Capito la connessione con Bill Gates? Non c'ero arrivata...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' molto interessante e ammetto che per certi versi concordo tuttavia pur ammirando mednat.org non concordo che i virus non si trovano mai nei corpi sani o meglio è vero ma non esistono corpi sani oggi, neanche i vegani o i fruttariani o i bretariani, nessuno può definirsi sano al punto tale da non produrre un virus endogeno.
      Parto dal presupposto che i virus non sono un male, come niente di quello che accade nel corpo, ma giusto per un esempio anche una piccola incazzatura e di questi tempi ce ne sono a valanghe ingenera una reazione del corpo con produzione di virus, chiaramente un corpo debilitato impiegherà moltissimo tempo per riequilibrarsi(espellerli o riutilizzarli) molto meno(anche minuti) quello di un vegano(e sereno).
      Ciao Bambilù, splendida serata. :-)

      Elimina

SALVA O STAMPA IL POST IN PDF

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

CORRELATI

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...