mercoledì 7 gennaio 2015

MICRORGANISMI EFFETTIVI (EM)

I MICRORGANISMI EFFETTIVI

Tra rape giganti e cucina pulita un denominatore comune: i microrganismi effettivi! Dal Giappone all'Italia, ecco il viaggio che percorrono questi piccoli organismi per aiutarci a vivere meglio

Cosa sono i microrganismi effettivi?

Rape giganti nell'orto, biancheria che si lava senza detersivi, spray che non fanno schiuma ma puliscono la cucina. Queste tre cose hanno un elemento in comune tra loro, anzi, un microelemento. Si tratta dei microrganismi effettivi. A un convegno, la fidanzata di un amico sorride soddisfatta mentre racconta a tavolino: "Li ho appena scoperti, si tratta di prodotti particolari, che puliscono, lavano i panni e i piatti, ma servono anche per molto altro. Io li ho comprati per la cucina". I microrganismi effettivi sono in sostanza una miscela di batteri della fotosintesi (Rhodopseudomonas palustris), batteri dell’acido lattico (Lactobacillus plantarum ed il Lactobacillus casei) e lieviti (Saccharomyces cerevisiae).
Si impiegano diluiti in varie percentuali, a seconda dell'uso, in una soluzione acquosa, da usarsi in diluzione o spray. Ma anche in molti altri modi e forme. Questi micro-prodotti organici li ha inventati un certo professore giapponese, il microbiologo e agricolotore Higa Teruo, chiamandoli EM (Effektive Mikroorganismen), il quale ha detto: "Nel mondo dei microrganismi c'è soltanto una manciata di batteri cattivi. Del resto ci sono anche soltanto pochi batteri buoni". E i microrganismi effettivi che batteri sono? Sono batteri "diplomatici", che si alleano con i batteri più forti, influenzandone anche il comportamento. Secondo il professore, se posti in maggioranza, questi microbatteri influenzerebbero a catena il comportamento degli altri gruppi di batteri, trasformandone le funzioni degenerative in funzioni rigenerative e antiossidanti, per cui una combinazione di circa 80 microorganismi sarebbe in grado di decomporre la materia organica in modo da "promuovere la vita".

Microrganismi effettivi, non solo per le pulizie

Non sono pensati solo per le pulizie della casa, per il bucato, per sanare gli ambienti da purificare l'aria ed elimininare l'inquinamento elettromagnetico. I microrganismi effettivi "attivati" sarebbero anche in grado di depurare le acque e di alimentare la forza rigeneratrice del terreno, la permacoltura ne sa qualcosa. I sistemi di moltiplicazione della combinazione di microrganismi effettivi vengono infatti anche utilizzati per il compostaggio (bokashi) dei terreni che praticano la coltivazione biologica e per la preparazione di fanghi attivi per grandi volumi di acqua. Con l'immissione dei microrganismi, verrebbe, nel primo caso, stimolata un'attività biologica a catena sugli organismi viventi nel terreno e sulle piante con effetti sulla produzione di nutrienti, e di stimolazione vegetativa, diminuendo così la proliferazione di parassiti. Nel secondo caso, utilizzati per la depurazione di terreni inquinati, trasformerebbero acque reflue in acque bianche, così da sanare terreni non bilanciati, avviando la trasformazione da terreni degradati (sabbiosi, argillosi o salmastri) in terreni fertili. Oggi anche la cosmesi e l'alimentazione fanno uso dei microrganismi effettivi. Sono utilizzati per la pelle, per cicatrizzare le ferite, come dentifricio e persino contro i problemi intestinali. Dato che sono formati principalmente da acidi lattici, lieviti e fermenti, risultano utili in ambito alimentare laddove si richieda la fermentazione, come nel caso dei formaggi.

Tra efficacia e bufala

C'è dunque chi li ha provati e li ritiene efficaci, soprattutto per la concimazione dell'orto, dei vasi, del giardino, e chi invece storce il naso diffidente. In effetti quando vedi la foto di una rapa gigante coltivata nell'orto dell'amico che ha usato i microrganismi effettivi, i dubbi sono ben pochi. Nonostante questo c'è chi parla di bufala. La teoria del giapponese è spesso non ben vista dalla comunità scientifica, anche se in Asia e in molte parti del mondo è utilizzata quotidianamente e con reali benefici. Per togliersi ogni dubbio, si può leggere direttamente il libro scritto da Higa Teruo, dal titolo "Microrganismi effettivi - Benessere e rigenerazione nel rispetto della natura", in cui, oltre alla spiegazione dell'uso e della funzione di questi microrganismi, si punta il dito sul pericolo rappresentato da pesticidi chimici, fertilizzanti artificiali e, per contro, sull'approccio innovativo che i microrganismi rappresentano per molti settori e in ambiti diversi. Un capitolo del libro è inoltre dedicato alle prove scientifiche e all'uso utile che si potrebbe fare dei microrganismi anche in medicina, avendo gli stessi dato una risposta positiva alla cura del sistema immunitario.


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

MICRORGANISMI EFFETTIVI: cosa sono e applicazioni

Microrganismi Effettivi: descrizione 

Microrganismi Effettivi, due parole apparentemente complesse per definire qualcosa di estremamente semplice e, soprattutto, naturale: piccole forme di vita unicellulari (osservabili solo al microscopio), minuscoli aiutanti onnipresenti in natura ed essenziali per la vita stessa. Sono costituiti da un numeroso gruppo di microrganismi rigenerativi non modificati geneticamente, che coesiste in un’unica miscela; in tutto ve ne sono 10 generi e 80 differenti specie. Ma l’aspetto più interessante è certamente il loro utilizzo in molteplici settori: nell’ambito dell’agricoltura, dell’allevamento, nel trattamento delle acque, in quello delle pulizie (domestiche, industriali, ecc.), nel settore del benessere e dell’alimentazione, oltre che nella cosmetica funzionale biologica.

Microrganismi Effettivi: principali vantaggi

La natura mette a disposizione qualcosa di unico, di straordinario, ma ancor poco conosciuto ed utilizzato. soprattutto se consideriamo i numerosi vantaggi derivanti dall’impiego dei microrganismi effettivi: non producono effetti collaterali o indesiderati per la natura, poiché la loro funzione principale è quella di supportare efficacemente i processi della natura stessa; inoltre, fungono da catalizzatori nell’attività dei processi di antiossidazione, con un effetto rigenerante ovunque li si impieghi per rinvigorire e prevenire degenerazione.

Microrganismi Effettivi: curiosità 
Riportiamo di seguito una significativa citazione del prof. giapponese Teruo Higa, i cui studi si sono inizialmente rivolti alla ricerca di alternative alle sostanze chimiche impiegate in agricoltura (analizzando quasi per caso il comportamento e l’effetto sulla vegetazione dei microrganismi effettivi usati per gli esperimenti, gettati via in uno stesso secchio, egli ebbe l’intuizione che portò alla scoperta della combinazione di colture chiamata EM – Effective Microorganism, in italiano Microrganismi Effettivi): “ L’efficacia degli EM non si limita alla produzione alimentare, ma si estende, in modo altrettanto valido e benefico, a tutto l’ambiente ed alla salute umana”.
Alcune aziende, negli ultimi vent’anni, hanno realizzato prodotti probiotici a base di Microrganismi Effettivi, in un’ottica di sviluppo sostenibile, oltre che di miglioramento e conservazione delle risorse che la natura offre. Le applicazioni e i beneficii correlati a tale tecnologia sono infiniti, ma fondamentale è tale considerazione: quello che per noi uomini è sporco, puzzolente, infetto, inquinato è il nutrimento dei microrganismi effettivi, sorta di spazzini-pulitori che, in sinergia con la natura, operano e si adoperano. Tutto ciò rende attuabile il sogno di impiegare, per svariati scopi, qualcosa di naturale, di non inquinante, né tanto meno dannoso.
Altro fattore di rilievo è il costo contenuto dei prodotti probiotici, ottenuti utilizzando la tecnologia EM, impiegata ormai con grande successo a livello mondiale (in più di 150 paesi), entrando addirittura a far parte di programmi governativi.
Questi, in sintesi, i lati positivi dei prodotti probiotici a base di Microrganismi effettivi: nessun effetto collaterale, nessun effetto dannoso diretto o indiretto, semplici da usare, efficaci e a costo contenuto.

Microrganismi Effettivi: campi di applicazione

Elenchiamo di seguito alcuni dei loro impieghi in ambiente domestico:
  • utilizzo per riciclare i rifiuti organici e per farne concime (compostaggio);
  • per lavare e conservare meglio frutta e verdura;
  • per eliminare i cattivi odori nei bagni;
  • per eliminare le incrostazioni negli scarichi;
  • per la pulizia e per igienizzare qualunque ambiente.
Per noi di Versoluno, in un’ottica di rispetto e salvaguardia di ciò che ci circonda, l’ipotesi di un utilizzo di prodotti che sfruttano la suddetta tecnologia rappresenta indubbiamente una scelta consapevole e responsabile, che tiene conto di valori quali lo sviluppo sostenibile, il rispetto della natura e la ricerca continua per poter progredire senza crear danni.
Abbiamo ritenuto opportuno farVi presente una realtà, a molti ancora sconosciuta, che può aprirvi “un micromondo” di grandissima utilità e, soprattutto, dai molteplici risvolti positivi. Vi consigliamo di accedere a questa pagina CLICCA QUI dove troverete tante informazioni specifiche sui Microrganismi Effettivi e sull’utilizzo dei detergenti probiotici, le loro caratteristiche, il loro “modus operandi” e tanto altro ancora.
La natura ci riserva davvero grandi sorprese, si tratta solo di scoprirle!
PS: Per approfondimenti segui le iniziative che pubblichiamo sul calendario CLICCA QUI

1 commento:

  1. Spero che vengano usati il più possibile; la natura come sempre ci offre milioni di possibilità e soluzioni...
    Stà all' uomo accecato dal denaro scoprirle ed utilizzarle.
    Un microorganismo contro la stupidità umana ancora no èhh???

    RispondiElimina

SALVA O STAMPA IL POST IN PDF

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

CORRELATI

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...