sabato 28 dicembre 2013

Napolitano blinda la dittatura dell’emergenza. Ci hanno impoverito per comandarci meglio.

16 Dicembre 2013 Scritto da  Fausto Carotenuto

napolitanopensosoIl Presidente Napolitano ha ieri nuovamente blindato il governo Letta: non vuole elezioni per il 2014.
Vuole in pratica che le parti politiche mantengano congelato il gioco democratico e si mettano tutte insieme a fare le riforme. A cominciare dalle riforme costituzionali. Secondo lui assolutamente necessarie per un paese così malridotto.
Altrimenti minaccia di andarsene e por fine al grande sacrificio che ha fatto facendosi eleggere per la seconda volta.
Vuole in pratica continuare la dittatura dell’emergenza.
Tutto si è dovuto accettare negli ultimi anni perché c’era la crisi finanziaria, poi perché era diventata una evidente crisi economica, e poi perché il paese è ovviamente caduto in depressione e in una crisi di sfiducia.
Ed ora quale è la panacea? Fare le riforme elettorali e costituzionali.
E cosa c’entrano le riforme costituzionali con la crisi economica? Nulla.
Ma allora perché questa pressione forte e continua? Perché questo continuo clima da tragedia imminente, da tracollo da un momento all’altro se non si fa qualcosa?


La risposta è abbastanza semplice: per farci fare qualcosa che non avremmo fatto; per estorcerci qualcosa che va in direzioni che non avremmo preso.
E allora in sintesi ha funzionato così:
  • i grandi poteri di manipolazione mondiale hanno scatenato la crisi finanziaria per conquistare stati e continenti con i propri dipendenti;
  • in Europa il potere gesuita-massonico con la crisi finanziaria ha conquistato la guida totale delle istituzioni europee e di molti paesi europei;
  • in Italia i dipendenti degli stessi poteri, sulla spinta dell’emergenza, hanno occupato i vertici politici ed avviato un’intensa operazione di cessione all’Europa delle nostre libertà e di svendita ai loro amici dei nostri beni.
Ed ora con la scusa di un indecente porcellum e della corruzione della casta, è pronto un piano di riforma costituzionale che produrrà uno stato più facilmente controllabile e dominabile dai grandi oscuri poteri trasnazionali. Senza che tanti poteri locali, libere minoranze e gruppi di pressione possano più “dare fastidio” ad europeisti e mondialisti con la loro voglia di difendere i nostri interessi locali, regionali, nazionali.
Ecco tutta questa strategia della tensione della crisi continua è servita a mettere maggiormente al potere gli uomini dei poteri oscuri centrali, ad accorciare le loro linee di comando, ad eliminare i disturbi delle libertà e delle classi politiche locali. Senza crisi non ci avrebbero mai costretti ad approvare queste cose. Hanno malridotto il nostro Paese per forzarlo in certe direzioni. Ed ora strepitano per costringerci a fare quello che dicono loro per uscirne.
Ci hanno volutamente impoverito e messo sotto pressione per comandare e controllare meglio e di più.
Cosa fa Napolitano in questo ambito? Il garante ferreo di questi trapassi e di queste forzature.
I toni drammatici salgono proprio ora anche perché gli stessi poteri temono che il prossimo parlamento europeo abbia una forte rappresentanza antieuropeista.
Cosa possiamo aspettarci in questi mesi pre-elettorali?
Naturalmente strategia della tensione: gli antieuropeisti devono apparire fuori di testa, disturbatori, divisi tra loro, violenti. La loro immagine deve apparire sporcata e frazionata, per assicurare agli europeisti la vittoria. Speriamo di no, ma qualcuno potrebbe portare la strategia della tensione fino ad atti di terrorismo anti-europeo. La vicenda dei forconi evidenzia questa volontà di usare come strategia della tensione le giuste rivendicazioni di tanta gente. Immettendo elementi di fratturazione dei movimenti e inserendo fascisti e neonazisti, che sono le solite pedine di ogni strategia della tensione degli ultimi 60 anni.
Noi speriamo che tutto questo protervo attacco alle nostre libertà porti per reazione al risveglio di coscienza di tanta gente in più. Che sia sempre meno manipolabile. Questo per noi sarebbe già un gran bel risultato.
E sta avvenendo…
----------------------------------
Nota sulla  posizione di Coscienzeinrete sull'europeismo

Nei nostri articoli prendiamo spesso posizione contro la deriva europeista e quella mondialista. Ma vogliamo chiarire la nostra posizione:
Coscienzeinrete è favorevole alla costruzione di una casa comune europea che sia preludio ad un'unica casa comune mondiale. Ma questo potrà avvenire solo man mano che matureranno le coscienze umane. In modo che ne emergano delle megaformazioni armoniose, condotte da saggi, fatte per il bene della gente. Capaci di valorizzare le differenti identità e di armonizzarle. Ma proprio perchè in questa direzione marciano le coscienze umane, gli antichi e oscuri poteri di manipolazione stanno da decenni forzando una europeizzazione e poi mondializzazione accelerate, omologanti, immature e condotte da loro. Sfruttando emergenze provocate ad arte. Come la crisi finanziaria e poi economica, e il conflitto di culture islam-occidente.  Per fare dei superstati orwelliani che perpetuino e rafforzino il loro potere e la nostra schiavitù politica ed economica. Noi questo tipo di Europa e di stato mondiale non li vogliamo, li denunceremo sempre e continueremo a lavorare per grandi case comuni delle libere coscienze. Capaci di valorizzare le diverse identità e i diversi talenti, invece di schiacciarli.

FONTE: coscienzeinrete.net

Nessun commento:

Posta un commento

SALVA O STAMPA IL POST IN PDF

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

CORRELATI

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...