giovedì 16 agosto 2018

Il danno cellulare causato dall'eccessiva esposizione alla luce blu

La luce blu fa sì che l'occhio umano attacchi se stesso e ora sappiamo perché

L'eccessiva esposizione alla luce blu non è salutare per i nostri occhi, contribuendo a una lenta perdita della vista nel corso della vita. Scienziati dell'Università di Toledo negli Stati Uniti hanno compreso esattamente come funziona questo effetto tossico, che potrebbe essere una buona notizia per chiunque sia a rischio di condizioni degenerative degli occhi.

Per noi è solo una ragione in più per pensare seriamente a limitare la nostra esposizione al bagliore freddo di uno schermo molto tempo dopo che il sole tramonta.

"Non è un segreto che la luce blu danneggi la nostra visione danneggiando la retina dell'occhio", dice il chimico e ricercatore senior Ajith Karunarathne. "I nostri esperimenti spiegano come ciò accada e speriamo che questo porti a terapie che rallentino la degenerazione maculare, come ad esempio un nuovo tipo di collirio". 
La degenerazione maculare legata all'età comporta la lenta disgregazione delle cellule che si trovano dietro il tessuto sensibile alla luce all'interno del bulbo oculare, impedendo il trasferimento di nutrienti e la rimozione dei rifiuti. A poco a poco, la retina muore, lasciando un punto cieco in crescita che alla fine deruba un individuo della propria vista. La condizione è responsabile di circa la metà di tutti i casi di disabilità visiva, quindi imparare di più sui suoi fattori scatenanti e le sue influenze potrebbe aiutare molte persone a mantenere la loro preziosa vista per almeno qualche altro anno.
Lunghezze d'onda della luce intorno all'estremità blu-ultravioletta dello spettro sono state a lungo accusate di aggravare la degenerazione maculare, sebbene la misura in cui varie malattie dell'occhio siano causate da tonalità blu è ancora in discussione.

Karunarathne e il suo team hanno focalizzato la loro attenzione su una sostanza chimica nella retina chiamata retinale - una forma di vitamina A che reagisce alla luce ruotando in una forma diversa.
"Hai bisogno di un rifornimento continuo di molecole retiniche se vuoi vedere", dice Karunarathne. "I fotorecettori sono inutili senza retinale, che viene prodotto negli occhi."
Di solito, la trasformazione del retinale da una forma all'altra è reversibile. Anche se questo processo non è perfetto, e in alcuni individui può essere così inefficiente da portare ad accumularsi l'una sull'altra. I ricercatori avevano familiarità con i rapporti secondo cui la forma contorta del retinale - descritta come all-trans (ATR) - poteva essere considerata tossica se presente in quantità sufficiente. Questo è stato attribuito a una tendenza dell'ATR a trasformarsi in qualcosa chiamato lipofuscina, una molecola che ha il potenziale di danneggiare le strutture cellulari. Ma nessuno aveva messo insieme i pezzi per descrivere un probabile percorso dalla reazione del retinale alla degenerazione del tessuto. I ricercatori hanno aggiunto retinale a varie colture cellulari e hanno analizzato i risultati mentre venivano esposti a diverse lunghezze d'onda della luce.

Dopo tutto, le lipofuscibìne potrebbero non essere i colpevoli. O almeno, non una minaccia solitaria. Quando entrambe le forme di retinale sono state esposte a lunghezze d'onda blu, il team ha scoperto che hanno causato la distorsione di una molecola nella membrana della cellula. Questo è stato seguito da un'ondata di calcio che ha cambiato la forma della cellula, che è stata alla fine responsabile della sua morte.
Lo stesso effetto non è stato riscontrato quando il retinale è stato esposto ad altri colori,  anche se miscelati, come la luce bianca da una lampadina fluorescente domestica. Le lunghezze d'onda blu sembravano eccitare la molecola in modo tale da assumere una caratteristica tossica. 


Fondamentalmente, questo danno non è limitato alle cellule dei fotorecettori. Il team ha testato i risultati su un numero di tipi di tessuto (comprese le cellule del cuore, i neuroni e le cellule cancerose) e ha scoperto che potevano essere influenzati allo stesso modo. Poiché il retinale può muoversi attraverso il corpo, solleva preoccupazioni su quanto possa essere diffuso questo effetto tossico.

"La tossicità generata dal retinale a causa della luce blu è universale", dice Karunarathne. "Può uccidere qualsiasi tipo di cella".

Di solito abbiamo un antidoto a questo tipo di danno cellulare. Un derivato della vitamina E chiamato alfa-tocoferolo neutralizza gli effetti ossidativi.

Sfortunatamente invecchiando facciamo fatica a portare questa sostanza, l'alfa-tocoferolo, nelle cellule dove è più necessaria. Non è chiaro se le terapie che aumentano i livelli di vitamina E potrebbero svolgere un ruolo nel ridurre i rischi delle malattie agli occhi, ma ulteriori ricerche potrebbero aiutare a identificare collegamenti utili.

Nel frattempo, è un motivo in più per noi per fare un po' più di attenzione nello spegnere lo smartphone o trovare un modo per attenuare alcune tonalità fredde dei nostri monitor. Non possiamo evitare la luce blu, soprattutto durante il giorno. E probabilmente non lo vorremmo. È un segnale importante per l'orologio interno del nostro corpo. Ma mentre illuminiamo sempre più le nostre notti con la tecnologia LED, ci stiamo anche esponendo più che mai alla luce blu, confondendo i nostri ritmi circadiani e facendoci così  derubare dal sonno necessario per la nostra salute.
Questo non vuol dire che l'illuminazione a LED è assolitamente negativa. Ci sono però alcun importanti ripercussioni sulla nostra salute a cui potremmo voler prestare attenzione.
Questa ricerca è stata pubblicata su Nature.

Correlati:

Nessun commento:

Posta un commento

SALVA O STAMPA IL POST IN PDF

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

CORRELATI

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...