martedì 14 maggio 2019

C’erano una volta orsi polari che morivano di fame, oggi invece la loro popolazione esplode, altro che global warming!

Altro cavallo di battaglia dell’AGW smentito: gli orsi polari svaniscono. . . dai media mentre la loro popolazione esplode
Di Leslie Eastman – 23 Marzo 2019
Una troupe della BBC è rimasta sorpresa nel trovarsi circondata da così tanti orsi.
C’era una volta, storie di orsi polari che morivano di fame erano caratteristiche regolari di “relazioni” ambientali e scientifiche. Le pallide palle di ferocia erano le icone preferite per la crociata contro il riscaldamento globale.
Tuttavia, sono stati apparentemente assenti dalle recenti discussioni sul “cambiamento climatico”. Ciò potrebbe essere dovuto al rapido aumento del numero di orsi polari, un fatto che neutralizza tutte le asserzioni di doom-and-gloom fatte da supposti esperti?
In un post della scorsa estate, ho notato che c’erano indicazioni che la popolazione di Ursus maritimus si stava rapidamente espandendo.
Le nuove stime demografiche del gruppo di lavoro scientifico 2016 sono comprese tra 22.633 e 32.257 orsi, che è un aumento netto dal numero del 2015 di 22.000 a 31.000. L’attuale numero di abitanti è in netto aumento rispetto al 2005, il che indica che sono rimasti solo 20.000 – 25.000 orsi – un numero che è stato un notevole aumento rispetto alle stime che solo tra gli 8.000 e i 10.000 orsi erano rimasti alla fine degli anni ’60.
Un nuovo libro La catastrofe dell’orso polare che non è mai accaduta dalla Dr.ssa Susan Crockford usa gli ultimi dati e rivede i valori discutibili usati nelle stime ufficiali. La Crockford conclude che gli orsi polari sono in realtà fiorenti.
Anthony Watts di Watts Up with That ha evidenziato il libro, che proietta il numeri di orso polare quadruplicati, scrivendo:
La catastrofe dell’orso polare che non è mai accaduta spiega perché il catastrofico declino del numero di orsi polari che ci è stato promesso nel 2007 non è riuscito a concretizzarsi. È la storia di come e perché l’orso polare è stato considerato “minacciato” di estinzione, e traccia la sua ascesa e la sua caduta come un’icona del movimento del riscaldamento globale.
Il libro racconta anche la storia del ruolo della Crockford nel portare quel fallimento all’attenzione pubblica e il contraccolpo contro di lei che ne è seguito – e perché, tra tutti gli altri che hanno tentato di farlo in precedenza, era in una posizione unica per farlo. In generale, si tratta di una storia ammonitrice di arroganza scientifica e di fallimento scientifico, di ricercatori che sfruttano le loro carriere su simulazioni informatiche non testate e in seguito offuscano fatti scomodi.
Il contributo di Atascadero New Al Fonzi ha recentemente offerto dettagli su un altro pezzo della ricerca della Crockford, che ha toccato il fatto che non vi è stata alcuna significativa perdita di habitat per questi animali.
La Crockford osserva in “Orsi polari e basi di ghiaccio marino:” “L’area dell’habitat dell’orso polare è uguale all’estensione approssimativa del ghiaccio artico a marzo (il massimo annuale), con tre … eccezioni; il Mare di Okhotsk, il Mar Baltico e il Golfo di San Lorenzo (senza orsi dal 1900); se tutti fossero pieni di ghiaccio, rappresenterebbero 2,4 mkm2 di estensione artica totale. Rimuovere le aree di ghiaccio marino dai totali di estensione dell’Artico per il record del satellite (1979-2016), l’habitat totale dell’orso polare alla fine di marzo è stato praticamente costante a circa 14,0 mkm2 all’anno ….
Non ci sono prove che gli orsi polari non siano mai vissuti nel Mare di Okhotsk o nel Mar Baltico. Gli orsi polari sono attualmente ben distribuiti in tutto il loro habitat disponibile, nonostante i recenti cambiamenti nella copertura dei ghiacci marini: non ci sono state contrazioni di distanza a causa della riduzione dell’habitat.
La Crockford sostiene che la popolazione di orsi polari nel 1975 era di circa 5.000. Attualmente è stimato in circa 32.000. Chiaramente, la decisione di continuare ad elencare gli orsi come specie minacciata riguarda la politica, non la scienza.
La Crockford è stata recentemente intervistata da Glenn Beck:
Questa informazione potrebbe essere stata utile all’equipaggio della BBC che si è trovato circondato da 13 madri e cuccioli di orso polare durante le riprese alla fine dello scorso anno. Gli uomini sembravano scioccati quando uno degli animali cominciò a prenderli per uno spuntino.

Film Crew Surrounded by 13 Wild Polar Bears | BBC Earth(youtube)

L’equipaggio era sembrato sorpreso, ma felice, che tutti gli orsi sembravano robusti e in salute. Fortunatamente, gli uomini sono usciti sani e salvi e non faranno parte delle più frequenti storie di “attacchi d’orso” che si vedono oggigiorno.
Tuttavia, è una lezione oggettiva sui pericoli del credere nella scienza politicizzata invece del vero tipo.

Nessun commento:

Posta un commento

SALVA O STAMPA IL POST IN PDF

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

CORRELATI

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...