giovedì 3 marzo 2016

Malattia: un approccio più sensato è possibile?

Malattia: un approccio più sensato è possibile?
Si sente spesso dire: “era malato”, “aveva un brutto male”, “è stato sfortunato” ecc. con riferimento a chi è stato colpito da gravi patologie purtroppo sempre più frequenti al giorno d’oggi, in particolare cancro o oncoequivalenti, questi odierni modi di dire altro non sono che convinzioni indotte che a certe malattie nulla si può opporre, non c’è scampo; niente di più fuorviante poiché trattasi di una radicata illusione delle coscienze.

In caso di gravi malattie di un proprio caro o di se stessi nessuno si sente in grado di fare delle scelte per contrastare in maniera alternativa il “male” pertanto si è destinati ad un calvario di sofferenza e solo se si dispone di una ferrea motivazione a guarire prima o poi si uscirà dal ciclo infernale di cure i cui effetti collaterali devastanti sono ormai noti a tutti.
Quando si tratta di persone care e di noi stessi io personalmente credo che sia doveroso prendere in mano la situazione in maniera chiara e cercare oltre, oltre a quello che ci viene propinato come “cura” quando al contrario è una batosta che lascia il paziente, già gravato dalla stessa patologia, in una condizione a volte disastrosa e senza alcuna forza interiore di reagire.  

Nessuno si fa carico di ricercare soluzioni differenti dall’usuale percorso di cura imposto come unico possibile, ma comodo e già bello pronto senza alcuno sforzo pur sapendo che gli esiti spesso sono nefasti, quindi l’andazzo è quello di limitarsi a “girare” da questo a quel dottore, ospedale, clinica, analisi ecc. rigorosamente ben “accreditati” in tal modo non si potrà dire che non si ha avuto “cura”; tuttavia qualcosa pulsa sempre sotto le spoglie della coscienza assopita che ogni persona umana ancora ha e solo nel momento del dolore profondo pare riesca a venire a galla.

Non è certo colpa nostra se le cose vanno così, tutti siamo nati in questa società che ci ha abituati ad affidarci e a credere nei suoi metodi e che ha allestito un eccellente(?) sistema sanitario che dovrebbe pensare a curare i malati. Sempre più spesso tuttavia ci si accorge dell’inganno, dell’impossibilità di cura, dell’incapacità anche di diagnosticare alcuni mali e porvi rimedio efficace e quando questo accade allora qualcuno, purtroppo pochi, cerca al di fuori dell’illusione concepita a copertura della claudicante sanità pubblica svegliandosi dall’ipnosi della malattia.

Oggi poi con i più avanzati mezzi nel settore sanitario fa ancora più male sapere di persone sane che a seguito di test diagnostici di controllo, insistentemente pubblicizzati come preventivi[1], si sono ritrovate in un vortice senza fine di cure e disagi di ogni genere, da cui non tutte ne escono a testa alta(vive).

Il problema della falsa prevenzione e sovradiagnosi[2] è ormai arcinoto, ma non si deve assolutamente sapere che i test preventivi non riducono il numero di malati, non prevengono le malattie, non diminuiscono il numero di morti per le rispettive malattie, ma innalzano l’illusione di efficienza del sistema con la scusa che prendendo sul principio il “male” si avranno più possibilità di sopravvivere, cosa che non corrisponde al vero in quanto i metodi ufficiali di cura non tengono conto del malato nella sua interezza ed una semplice diagnosi può, più della stessa malattia, comportare conseguente irreparabili.

La realtà purtroppo è più crudele di quello che normalmente si può immaginare poiché questo sistema preventivo ha il solito scopo di far ingrassare la macchina infernale delle cure dissennate, macchina che viene costantemente oleata e perfezionata per funzionare sempre al meglio, riuscendo a volte a prevedere anni prima il male dal quale saremmo afflitti, giusto per farci stare più tranquilli sia chiaro!

Qualsiasi grave sintomo(non malattia) dovesse presentarsi bisogna analizzarlo in ogni sua componente, basterebbe anche solo porsi in maniera critica a livello fisico(sintomi) per valutarlo nella sua reale gravità e decidere un percorso di cura, che, mi duole dirlo, dovrà essere scelto da noi, non da altri, solo così saremo consapevoli di tutto il “cammino” di guarigione e troveremo la giusta motivazione ad uscire dalla malattia che viene a mancare quando demandiamo il compito della nostra guarigione ad altri.

Per guarire il primo e più importante passo è volerlo e il miglior modo di avviare un genuino convincimento verso la propria(e altrui) salute è proprio quello di occuparsi in prima persona del proprio soffrire.
Quando si sta male sarebbe di fondamentale importanza sapere quanto realmente sia grave il nostro malessere, dico sarebbe in quanto la questione è del tutto ignorata dalla medicina tradizionale la quale tratta ogni patologia di forte impatto sociale con lo stesso allarmistico e distruttivo metodo(protocollo). Il cancro anche quando benigno e/o piccolo è pur sempre il “male” da estirpare con immediatezza. Con ogni mezzo, non c’è tempo di farsi domande. Com’è possibile che per un cancro di pochi millimetri ci si accanisca sostanzialmente con le stesse pesanti cure(?) del cancro esteso?

Purtroppo la scienza medica non risponde a questi elementari quanto vitali quesiti, agisce senza pensare a discapito del fisico, ma soprattutto della morale del paziente, la quale viene tenuta costantemente in allarme, sotto lo scacco di una paura agghiacciante poiché il protocollo non ha sentimenti, non ha cuore; il medico spesso cerca di attenuare il colpo, ma così è stato deciso per lui e così deve fare.

Quindi ho compreso che ci tocca valutare il “peso” della malattia autonomamente, dopo aver compreso molto del funzionamento del nostro corpo e di cosa sia realmente la malattia a quel punto potremmo decidere consapevolmente di seguire delle cure alternative e/o naturali che giocoforza, per i motivi suesposti, saranno efficaci. [3] [4] [5] [6] [7]

Avessimo per le mani una tabella della gravità della nostra malattia renderebbe tutto più semplice e di sicuro spazzerebbe via molte paure inutili che aggravano notevolmente le condizioni sanitarie.

Per fare un esempio e rendere “tangibile” un discorso che potrebbe sembrare astratto ai più nonché avvedersi dell’importanza di tali informazioni ho ideato una tabella ipotetica e molto semplificata relativa ad un male noto, chiaramente sarebbe auspicabile generare una simile classificazione per ogni patologia.
IPOTETICA TABELLA GRAVITA DELLE MALATTIE (CANCRO)

INTENSITA’ E SINTOMATOLOGIA
(PATOLOGIA DIAGNOSTICATA)
CURE FORNITE DALLA SANITA’
ALTRE CURE OLISTICHE SCELTE AUTONOMAMENTE

1
2
3
Intensità nulla o lievissima che non da sintomi.
Il corpo ripristina le funzionalità di base autonomamente.
Asintomatica.
Terapia farmacologica lieve (no chemio), possibile radioterapia.
Asportazione chirurgica.
Ricovero e successivo protocollo di controlli periodici per 5 anni.
Nulla. Vita normale, non è successo niente, la persona non sa di avere una “malattia”



4
5
6
Intensità lieve-moderata.
Lievi sintomi spesso confusi per dolori generici e passare inosservati.
Sintomatologia lieve o moderata.
Terapia farmacologica medio-alta (radio + chemio) non sempre.
Interv. chirurgico probabile.
Ricovero + protocollo di controlli periodici per 5 anni
Cambio abitudini sull’ approccio alle problematiche di vita.
Attività fisica.
Alimentazione equilibrata.
Aumentare il tempo dedicato al riposo.
Possibilità di continuare la vita normale.



7
8
Intensità medio alta. Il corpo in questa fase(riparatoria) induce dei sintomi marcati o forti che costringono a rivolgersi al personale medico.
Terapia farmacologica forte (radio + chemio+ farmaci di “protezione”).
Asportazione chirurgica.
Ricovero riabilitazione + successivo protocollo di controlli periodici per 5 anni.
Riposo. Cura alimentare mirata alla disintossicazione + energizzante + integratori naturali.
Cure varie(es. Gerson o altri), farmaci per attenuare i sintomi se necessari.
Se possibile att. fisica (passeggiate + sole).
Interruzione immediata paura e conflitti in corso tramite terapia psicoterapeutica.
Cambiamento stile vita e di pensiero.
Attività piacevoli appena possibile.


9
Intensità molto alta. Sintomi molto forti, impossibilità di sostenerli senza aiuto esterno(rimedi-farmaci attenuatori).
Variazioni fisiche evidenti.
Terapia farmacologica forte (radio + chemio+ radio + farmaci di “protezione” e altri).
Intervento chirurgico se necessario. - Ricovero riabilitazione + successivo protocollo di controlli periodici per 5 anni.
Cure intense e combinate (metodo Di Bella + Gerson + altri)
Terapia psicoterapeutica giornaliera.
Interruzione immediata paura e conflitti in corso. – Aliment. naturale di sostegno.
Utilizzo di farmaci in sinergia con le fasi della malattia per ridurre i sintomi.
Attività piacevoli appena possibile.
Intervento chirurgico consigliato in molti casi. Qualsiasi altra terapia se necessaria.

10
Situazione disperata, sintomi insostenibili, si può perdere la lucidità/coscienza.
Variazioni fisiche evidenti.
Si potrebbe andare incontro alla morte per alcuni tipi di patologie.
Terapia farmacologica di sostegno (del dolore).
In alcuni casi impossibili radio e chemio
Se possibile asportazione chirurgica immediata.
Ricovero + dimissioni per impossibilità cure per prosecuzione terapia del dolore in attesa del destino.
Protocollo controlli periodici per 5 o + anni.
Cure intense e combinate (metodo Di Bella + Gerson + altri) Alimentazione naturale o di sostegno.
Psicoterapia giornaliera.
Sostegno dei parenti.
Tentativi per interrompere la paura ed altri conflitti in corso.
Utilizzo di farmaci in sinergia con le fasi della malattia per ridurre i sintomi e mantenere in vita il paziente.
Intervento chirurgico. Qualsiasi altra terapia se necessaria.



Immagine tabella
In considerazione che i sintomi riportati nella tabella si riferiscono ad una patologia già accertata diagnosticamente(strumentalmente) e tenuto conto dello scopo della malattia[8], che nella medicina tradizionale è del tutto sconosciuto, la quale arriva per svolgere un compito specifico e poi va via, in assenza del recidivare della causa che l’ha indotta, se dovessimo accusare dei sintomi di una patologia di una gravità indicativa tra l’1 e il 6 e non avessimo degli accertamenti strumentali dell’esistenza della patologia, nella stragrande maggioranza dei casi essa andrebbe via senza sconvolgimenti di sorta.

Quindi in definitiva se dovessimo solo basarci sui sintomi moltissime malattie verrebbero e andrebbero via senza neanche essere notate o creare grandi scompensi psico-fisici, oggi invece, grazie alle meraviglie della diagnostica preventiva, dobbiamo cogliere la malattia sul nascere e la dobbiamo debellare a prescindere da quale sia il suo scopo, senza capirla e senza riuscire a capire noi stessi, poiché comprendendo la malattia si comprende se stessi.

Pur trattandosi di una semplice riflessione abbozzata con una scarsa visione d’insieme ed in assenza di professionalità in materia, non si può tuttavia negare che, visto i risultati non molto incoraggianti della medicina convenzionale[9], è giunto il momento di cambiare l’approccio alla malattia per beneficiare finalmente di un’esistenza più consapevole.
Marcello Salas

 

Nessun commento:

Posta un commento

SALVA O STAMPA IL POST IN PDF

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

CORRELATI

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...