mercoledì 1 novembre 2017

La psiche è più forte del farmaco

Quando la psiche è più forte del farmaco

Quanto influisce la percezione personale sulla biologia e, quindi, sulle cosiddette malattie?
Quanto influisce la percezione psichica che si ha nei confronti di un trattamento terapeutico?
In questo sito non possiamo essere prudenti né fare sconti: 100%

 
Sappiamo quanto sia importante l'effetto placebo, ma ciò nonostante osserviamo quanto oggigiorno sia considerato solo un riferimento nei gruppi di controllo, il che significa che è equiparato ad un valore nullo.
Il placebo ha insomma un problema di dignità e reputazione, tanto che non è etico per un medico prescrivere un placebo, né è etico prescrivere alcun farmaco considerato alla pari di un placebo (vedi il furioso dibattito intorno all'omeopatia).

Fatto sta che quando qualcuno, invece di studiare un principio attivo nei confronti di un placebo, mette l'attenzione della ricerca sul placebo stesso nei confronti di nessun trattamento, si scoprono cose sbalorditive.

È il caso di questo studio che affronta il trattamento della "sindrome da intestino irritabile": i risultati dell'assunzione di un placebo sono molto buoni in confronto al non fare nulla.
Ma la cosa più sorprendente è questa: il paziente sa perfettamente che non sta assumendo alcun principio attivo!
Il paziente che viene precedentemente informato di assumere una medicina "finta", dopo il trattamento sta meglio.
Fonte: RCT su PlosONE
Dello stesso tenore questo altro studio sulla cosiddetta "sindrome da iperattività e deficit di attenzione". Fonte: PubMed
E quest'altra interessante ricerca sul dolore che abbiamo approfondito proprio su 5LB Magazine - È impossibile eppure funziona: lo studio sull'effetto placebo.

Ma giusto un mese fa è stata eseguita una più importante meta-analisi che raccoglie tutte queste ricerche (e ne servirebbero certamente altre) sugli effetti dei placebo esplicitati (open-label), che ha coinvolto sintomi che vanno dall'intestino irritabile, alla lombalgia, alla depressione.
Le prescrizioni di placebo - anche se comunicati come tali - sono risultate trattamenti efficaci.
Fonte: PubMed
Per i ricercatori è arduo spiegare il fenomeno, che ricade naturalmente in prima istanza sul livello biochimico, tirando in causa il subconscio e la probabile maggiore produzione di endorfine e dopamina.
Una spiegazione plausibile ma parziale, che qui non può certo bastarci in termini eziologici.

Piuttosto ci domandiamo: quanto potrà ancora essere fruttuoso indagare il dettaglio chimico, dibattere sui principi attivi con quell'ossessione compulsiva tipica di una ricerca strettamente tecnologica, ripiegata su se stessa, senza concedersi di aprire il campo a nuovi spazi teorici e a modelli che consentano di affrontare in modo scientifico gli aspetti psichici dell'essere umano?
Oggi e a queste limitate condizioni, tali fenomeni risultano poco e parzialmente spiegabili, e per questo restano relegati in un ambito marginale, spesso trattati come "stranezze eccezionali".

Tuttavia la comunità medica più integra, quella che persegue i propri valori etici fondanti, ha esperienza da sempre di questi meccanismi, e sa che c'è molto di utile anche senza doverseli spiegare: perchè una pillola non contiene solo principi attivi, ma trasferisce comunicazione, accudimento, fiducia e tutto quello che un rapporto umano porta con sè.

Nessun commento:

Posta un commento

SALVA O STAMPA IL POST IN PDF

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

CORRELATI

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...