venerdì 27 novembre 2015

l'Entità

l'Entità

Un’entità oscura, per nulla naturale, si è impossessata del pianeta, dell’ambiente, della società degli uomini. Tale entità non è la migliore possibile e neppure una struttura funzionale, frutto di un certo qual progresso sociale inevitabile. L’entità controlla i territori, i residenti e le mille modalità di interazione esistenti tra uomo ed uomo, uomo ed ambiente.

Di questa sovrastruttura non è possibile ignorarne la presenza, è pervasiva ed avvolgente. L’essere umano, sin dalla nascita ed anche prima, ne viene coortato, controllato, etichettato, etero diretto.

L’entità modifica profondamente il territorio (quasi sempre in peggio) e coordina le attività degli esseri umani che ricadono nel suo spazio di competenza suddividendone ruoli e destinazioni.

L’indottrinamento ad accettare tale mostruosa entità comincia dai primi anni di vita. Le scuole imprimono il loro sigillo malefico, costringendo intelligenze ancora vivaci ad un inutile e tortuoso cammino all’insegna del nozionismo di tipo poliziesco. - (parentetica: lo sapevate che non esiste la scuola dell’obbligo ma solo un diritto di istruzione del minore?) -
L’essere umano viene gestito dalla nascita sino ai risvolti più intimi della propria vita sentimentale, dalla malattia sino alla morte ed anche dopo. L’entità (che nei millenni ha cambiato tante volte nome e funzione apparente) si occupa anche infatti della cura dell’anima, così come un pastore premuroso ma feroce, si occupa delle sue greggi.

L’entità possiede più volti e più tentacoli. Dissimula il suo potere totalizzante con ideali democratici ed egualitari. Nella realtà è solo una forma egemonica di controllo e sfruttamento. Per perseguire i suoi fini, nulla può tenerne a freno la sua bramosia di potere.

Il gioco che instaura con l’essere umano è del tipo ‘do ut des’: sicurezza e sopravvivenza in cambio di abnegazione e docilità. L’essere umano in genere, capitola e si lascia sedurre con misere blandizie.

Tutto è lecito per imporre la propria continuità: ipnosi, seduzione, coercizione, violenza, blandizie, scambio di favori … tutto. La strategia di fondo è impedire il risveglio della coscienza, individuale e collettiva. Impedire il riconoscimento del proprio stato di sfruttato dentro un recinto, controllato a vista ogni giorno dell’anno.

L’entità necessita dell’attestazione di esistenza da parte di ognuno di noi … e se non gliela concedessimo più?

Nessun commento:

Posta un commento

SALVA O STAMPA IL POST IN PDF

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

CORRELATI

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...