mercoledì 21 ottobre 2015

Dalla Cimatica ai Crop Circles

Dalla Cimatica ai Crop Circles

Può un suono modificare la materia ? Sì,

Niente è separato, anche se per l'ordinaria valutazione sembra non sussistere relazione tra apparati differenti tra loro persino nelle funzionalità. Molto è dovuto al fatto che ancora la risposta scientifica non soddisfa totalmente la domanda al riguardo, concludendo che ancora c'è molto da scoprire.

Ma se ancora esistono settori per i quali occorre attendere i tempi necessari perché le teorie, le ipotesi, le probabilità e le supposizioni trovino i fondamenti di riscontro per acclamare una nuova verità, per altri settori la porta è già aperta.

Le figure di Ernst Chladni
Ernst Chladni, fisico e musicista tedesco, pubblicò nel 1787 “Scoperte sulla teoria dei suoni”, il preludio di quella che poi sarebbe divenuta la scienza del suono. Egli trovò il metodo per rendere visibile le forme che le onde sonore generano.

Sfregando perpendicolarmente l'archetto di un violino lungo il bordo di scure lastre lisce ricoperte di sabbia, poté dimostrare che ogni vibrazione emessa dallo sfregamento dell'archetto, muoveva la sabbia e che questa si disponeva in una figura geometrica sempre diversa. Ripetendo l'esperimento constatò che ad ogni specifica vibrazione corrispondeva sempre la medesima figura, e che le caratteristiche risultanti variavano da forme geometriche più semplici, fino alle più complesse, con una costante di armonia e simmetria.

La sua scoperta fondò una nuova scienza : la cimatica o scienza delle onde.

Successivamente lo studio è stato ripreso dallo scienziato e naturalista svizzero Hans Jenny, dapprima insegnante di scienza nella scuola steineriana e poi medico, che nel 1967 pubblicò il primo volume intitolato “ Cimatica : lo studio dei fenomeni ondulatori”. A distanza di 180 anni dal primo pioneristico esperimento, avendo a disposizione apparecchiature moderne che ne potessero permettere anche la fotografia, ragguagliò notevolmente lo studio scientifico.

Sperimentò come le vibrazioni sonore influissero sui diversi materiali attestando la prevedibilità della forma in corrispondenza della vibrazione. Modificando la frequenza e l'ampiezza dell'onda sonora, notò che la forma iniziale, basata su schemi geometrici elementari, in coincidenza di una maggiore frequenza questa assumeva una maggiore complessità, pur rimanendo costante la simmetria e se aumentava l'ampiezza i movimenti erano molto più rapidi.

Quindi una scala di frequenze in crescita, produceva disegni sempre più elaborati. Attestò anche che i suoni degli antichi linguaggi come l'ebraico ed il sanscrito, disegnavano il simbolo alfabetico che veniva pronunziato. Risultò interessante anche il fatto che i disegni formati ricordavano le strutture cellulari  degli organismi viventi e la convinzione di Jenny fu che la vita molecolare fosse il risultato di specifiche vibrazioni.

“Il mondo è suono” ricordano le antiche scritture sanscrite (Nada Brahma), “In principio era il Verbo” - La parola era con Dio e la Parola era Dio- prologo sulla Bibbia dal Vangelo di Giovanni.

Molta conoscenza nei tempi antichi è stata considerata nei testi sacri, detta, scritta e tramandata e nonostante non vi fossero strumenti adatti per poterne appurare i fondamenti, pur con largo contrasto di fazioni avverse, l'uomo ha ritenuto valido il precetto, portandolo avanti attraverso l'unica possibilità che aveva, un continuo atto di fede.

Ha ritenuto vero ciò che non poteva essere spiegato con nessun mezzo del tempo, gettando però le fondamenta necessarie per il futuro.

In un frangente di tempo molto delicato, come l'ultimo secolo, dove le scoperte scientifiche forniscono spiegazioni su ciò che prima era ritenuto imperscrutabile e quindi di origine soprannaturale, si crea la tendenza ad oltrepassare talvolta il limite del dogma riuscendo in parte a svelare la fattibilità dell'inspiegabile, ma sarebbe auspicabile che fosse ugualmente mantenuto il senso “sacrale” della meraviglia del fenomeno, del valore intrinseco, affinché ogni mistero chiarito non scada purtroppo nella banale consuetudine che, sciolto il segreto sopravviene il senso ordinario dove il valore si perde non appena tutto diviene scontato.

Scienza non deve essere freddezza di analisi e calcolo della risposta, ma l'utile ed indispensabile strumento che fornisce la spiegazione conciliandosi con l'etica formatasi proprio col tempo passato.

Solo procedendo di pari passo, le scienze e le tecnologiche non prenderanno il sopravvento sull'aspetto umano della vita. E' fondamentale, per mantenere il giusto orientamento visto l'avanzamento rapido delle scoperte e del progresso tecnologico, che non sopravvenga lo spostamento mentale sul versante opposto dopo secoli trascorsi al buio dalle spiegazioni, ma che le due polarità si incontrino. Nè la spiegazione scientifica a sé, né la devozione sorda alle risposte che verranno, potranno essere interpretate separatamente, ma piuttosto che l'intelligenza fornitrice del perché, si unisca al fondamento acquisito e tuttora presente che ha insegnato il garbo di porsi verso il concetto del sacro. Le due parti dovrebbero costituire una nuova coscienza, una saggezza ulteriore.

Se questo non fosse, il mondo perderebbe la sua unicità, la sua umanità e sarebbe solo materia riprogrammabile scientificamente in laboratorio, priva di spirito.

Il suono della creazione, l'antico OM (Aum) fu visto da Hans Jenny, spargendo la polvere di licopodio sulla lastra metallica come un cerchio con un punto centrale. Il concetto si ampia estendendosi alla musicoterapia vibrazionale, la pratica del Nada Yoga (lo yoga del suono), al Canto armonico e ai Mandala sonori. In questi ultimi le vibrazioni emesse formano una complessità di figure dettagliate, ricche di particolari e simmetrici ricami attraverso delle polveri colorate.

L'interazione suono e materia, è quindi una porta aperta, un interessante ed utile campo di indagine che continua ad essere esplorato e che consente di formulare ipotesi anche nel caso dei crop circles.

Oramai sono anni che fisici e scienziati, come un'infinità di ricercatori avvalorano l'idea che la cimatica può essere la strada corretta per cercare la risposta. Tuttavia, anche all'interno di questa considerazione si scindono due correnti. C'è chi è più propenso a ritenere valida l'idea che le vibrazioni creatrici del disegno siano volutamente emanate da una fonte non conosciuta, ma che comunque si attiva all'applicazione affinché si materializzi, come chi invece ritiene che si tratti di fenomeni naturali, sempre pertinenti alla cimatica, ma senza intervento diretto di volontà.

Nel libro “La verità sui cerchi nel grano” di Leonardo Dragoni, viene citata anche questa possibile teoria basata sull'interazione del magnetismo terrestre e solare, dove in sintesi si potrebbe ritenere che nei momenti di massimo magnetismo solare, quest'ultimo influendo sul campo magnetico terrestre produrrebbe il fenomeno, ma non solo, più è forte l'intensità più dovrebbe risultare complessa la formazione. Ma calcolando su un grafico un intero periodo che va dal 1988 al 2005 evidenziando i picchi solari maggiori, questi risulterebbero non coincidenti con la formazione massima dei pittogrammi che rivela invece un andamento diverso, sia nel numero che nell'articolazione del disegno, portando alla conclusione della non sussistenza della relazione.

Non siamo in grado di accertare l'origine, ma è un dato di fatto che, attraverso gli esperimenti di cimatica, effettuati anche presso varie università di tutto il mondo, sono stati riprodotti i medesimi disegni che vediamo nei crop circles e poiché una determinata vibrazione conferisce quella specifica raffigurazione, possiamo continuare ad attestare che la relazione suono-forma esiste.

Con la creazione di un tonoscopio, Hans Jenny mise a punto uno strumento capace di catturare le vibrazioni emesse dalla voce umana, restituendo la relativa immagine morfologica, attestando nuovamente, come nel caso del canto, che i toni bassi si presentavano in schemi semplici, e gli alti in figure più complesse. La sua interpretazione può divergere da chi si avvicina allo studio della cimatica solo sotto un profilo scientifico, in quanto Jenny, fedele alla sua formazione steineriana centrata sulla “scienza dello spirito”, riteneva che il mondo materiale fosse una condensazione del mondo spirituale dove le tracce archetipe ne rappresentano l'essenza e quindi il naturale principio.

Da qualunque angolazione si voglia guardare il fenomeno, meramente fisico o antroposofico resta comunque evidente l'oggettività della relazione suono-forma e le apparecchiature inventate che aiutano a mostrarne l'evidenza, tolgono un velo di mistero restituendoci in forma visiva un archetipo di un suono. Dimostrano quello che prima veniva raccontato.

Siamo liberi di formulare teorie e convinzioni sull'origine dei crop circles ed anche ci avvicinassimo a scoprirlo, sarebbe necessario domandarsi l'utilità delle formazioni.

Sono “pittogrammi” (che rappresentano la cosa vista e non la cosa udita come lo sono i segnali stradali) o disegni di suoni, o entrambe le cose ?

Il nostro linguaggio molto articolato di suoni che formano un enormità di parole, diventa inutile quando dobbiamo parlare con chi non conosce la nostra lingua e sovente, in mancanza di un traduttore, adoperiamo il gesto che cerca di sostituire la parola, come esistesse un intendimento di base, essenziale, riconducibile in ogni dove del pianeta. Non si potrebbe fare altrimenti per comunicare anche il semplice bisogno di fame a chi non ci comprendesse e mimando tradurremmo in simbolo la nostra necessità. Non sarebbe però necessario nessun gesto, come nessuna parola, pur serbando la fame, se non avessimo di fronte qualcuno. Quindi l'azione, il gesto, la parola, essenziale e primitiva o articolata,  diventa comunicazione tra due parti. Non ci può essere comunicazione se non ci sono almeno due soggetti.

Nell'immensità dello spazio, rapportandoci su più vasta scala, se ipoteticamente qualcun altro dovesse comunicare, sarebbe costretto a ricondurre il suo linguaggio ad una massima sintetizzazione arcaica e come la gestualità umana nella necessità diventa il tramite tra due parti, il disegno nel cerchio mimerebbe il concetto, nell'unica maniera possibile, ovvero riproducendo nella forma visibile che rimane al suolo, l'intenzione celata nel suono attraverso l'essenzialità prodotta dalla cimatica , come un linguaggio base universale.

Il fatto che tali formazioni esistono, non può essere solo per puro caso o per la bellezza artistica della visione, ma anche se così fosse, il risultato che va a muovere ogni sorta di immaginazione sarebbe stupefacente e in quanto tale, comunque utile all'essere umano così bisognoso sia di indagine scientifica e di visione creativa.

Se alla fine scoprissimo che si tratta di formazioni naturali ancora non scoperte, nella solita maniera come poteva apparire un'aurora boreale ad un primitivo stupefatto dalla visione o un fulmine globulare a un etrusco, chissà se le nostre domande sarebbero soddisfatte o deluse da chissà quali altre aspettative.

Sembra quasi che togliere il mistero e svelare, porti un beneficio momentaneo con il bisogno che ricompaia presto all'orizzonte qualcos'altro di impenetrabile e soprannaturale, come se la naturalezza della vita non fosse già di per sé una straordinaria verità. Per dirlo con le parole di Rudolf Steiner che Hans Jenny fece sue “la vita materiale è una condensazione del mondo spirituale”.

Nessun commento:

Posta un commento

SALVA O STAMPA IL POST IN PDF

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

CORRELATI

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...