martedì 22 settembre 2015

GUARIRE E’ FACILE. BASTA VOLERLO!

BENESSERE - GUARIRE E’ FACILE. BASTA VOLERLO!


E’ più facile anestetizzarsi che cercare risposte, è più facile sopprimere il sintomo che ascoltare la sua voce.

Quando nell’ormai lontano ‘93 mi iscrissi ad un corso di Shiatsu presso il Dojo Zen di Rimini, non immaginavo certo che sarebbe stato l’inizio di un grande viaggio lungo rotte che mi avrebbero condotto ad esplorare quello che per me rappresentava, ed era a tutti gli effetti, un nuovo mondo. 

Un nuovo mondo dove l’uomo viene compreso nella sua interezza, dove corpo mente e spirito sono un’unità inscindibile, pena altresì la morte fisica; dove codeste parti interagiscono sinergicamente; dove la malattia, o presunta tale, viene letta come una manifestazione del tutto, cambiando in toto i propri connotati: da demone maligno a soluzione biologica sensata come risposta spesso reversibile ad un conflitto.

Inoltre esiste un problema di linguaggio, perché il dire malattia presuppone una persona malata e dire voglio guarire dalla malattia in definitiva finisce per conferire potere a quest’ultima, come fosse un’entità o una persona a noi estranea, padrona del nostro divenire e dei nostri destini. Prendendo le dovute distanze da colui che proclamò – ahimè per sua sfortuna – in modo maldestro e prima di me la sua ribellione, lasciate che risuoni il mio solenne “non serviam”: non servirò un uomo in balia del fato e dei numi avversi e soprattutto un uomo che non sa dare una spiegazione plausibile al proprio dolore.

E’ più facile anestetizzarsi che cercare risposte, è più facile sopprimere il sintomo che ascoltare la sua voce, il suo pianto, la sofferenza che racchiude, perché facendo questo saremmo forse obbligati ad operare dei cambiamenti nella nostra vita; è certamente più facile dire “sono sfigato”, “nessuno mi ama”, “non sono all’altezza”, “sono un fallito”, piuttosto che intraprendere un cammino di consapevolezza, una progressiva presa di coscienza che ci porti a comprendere il vero significato di un disagio, di un disturbo, o di quella che viene comunemente chiamata malattia.

Il fatto è che nulla in questo mondo accade per caso.
Secondo Claudia Rainville, applauditissima creatrice della Metamedicina, ogni sintomo è un preciso messaggio da interpretare; per Geerd Hammer ogni malattia, come già accennato, incarna un dettagliato responso biofisico; ad un determinato conflitto, nella kinesiologia specializzata ogni disturbo viene vagliato attraverso una triade interpretativa che coinvolge in modo affascinante e ineluttabile la struttura del corpo, la sfera emozionale e la parte nutrizionale come un tutt’uno.

Non c’è da stupirsi quando già i medici cinesi, qualche migliaio di anni or sono, collegavano in modo osmotico organi, meridiani energetici, emozioni e sentimenti. E qui casca l’asino; senza offesa per chi scrive o chi legge, permettetemi di discorrere un poco di Energia.

Tutto è energia, ed è questo il nuovo assioma della fisica dei quanti, che guarda caso coincide con quanto affermava la medicina cinese “appena” qualche migliaio di anni fa; nuotiamo in un mare di energia e siamo noi stessi una forma di energia più densa di quanto non rappresentino etere, pensiero e sentimenti. E al dire dell’affermatissimo biologo, già ricercatore ed insegnante universitario statunitense Bruce Lipton, stati emozionali protratti sono in grado di influenzare in modo sia positivo che negativo, a seconda del vissuto, il corredo genetico umano (vedi a tal proposito le pubblicazioni “Biologica delle Credenze” ed in video “La mente è più forte dei geni”); il tutto tra l’altro sembra essere reversibile.

La buona notizia è che il campo energetico dell’uomo può essere informato con input di vario genere e questi messaggi, introiettati in modo corretto, possono modificare tutta una serie di situazioni sia fisiche che emozionali, anche se per le problematiche cronicizzate spesso è necessario reiterare l’informazione, come viene fatto in Eudinamica, con dispositivi appositi che vengono opportunamente collocati stabilmente su precisi punti energetici per diversi giorni. 
Esiste un numero impressionante di arti e tecniche anche manuali che agiscono sul corpo energetico umano, modulando e armonizzando tutta una serie di cose, come E.F.T., Shiatsu, Kinesiologia e tante altre ancora.

Prioritaria e fondamentale, a mio avviso, resta sempre e comunque la presa di coscienza del conflitto che sottende qualsiasi disturbo di qualsivoglia natura, proprio come porta d’accesso che viene data nel qui ed ora; passaggio spesso obbligato per una nuova nascita, una trasmutazione a volte radicale e dolorosa di corpo mente e spirito.

E’ destino di ogni uomo riconnettersi alla propria origine, al proprio sé, perché possa emergere dalla polvere dell’esistenza il proprio volto originale scevro di maschere e corazze, affinché ogni senziente possa compiere ciò per cui è venuto al mondo
Io, per dirla con Max, di risposte non ne ho mai né avute né mai ne avrò, ma quello che posso dirti è questo: cerca dentro di te il Re, il Sacerdote, il Profeta, il Guaritore, l’Alchimista perduto, cerca il potere sepolto, il potere di creare nuovi mondi e una nuova realtà. 

E’ giunto il momento di predisporre il brigantino, è arrivato il momento di salpare alla scoperta del Nuovo Mondo o, se preferisci volare, seconda stella a destra e sono sicuro che presto troverai l’Isola che non c’è. In ogni caso, che tu sia in viaggio da tempo immemorabile o che tu sia appena partito, caro viandante, Buona Fortuna.
_Pier Pan

Nessun commento:

Posta un commento

SALVA O STAMPA IL POST IN PDF

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

CORRELATI

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...