venerdì 3 ottobre 2014

Frasi di saggezza per liberare il tuo potere personale

Frases de Dios para liberar tu poder personal
Risveglia ogni giorno il tuo Cristo interiore
Come puoi amare il prossimo se non ami te stesso? Puoi saziare la fame dei tuoi simili se hai la dispensa vuota? Diventerai fonte di acqua per chi ha sete se il tuo pozzo è secco e tu stesso muori disidratato? Gandhi e Gesù ci esortavano a trovare Dio e l'Amore del prossimo.
Recentemente ho scritto alla mia amica argentina Ana Cristina Barión. In un'email la esortavo a "risvegliare il suo Cristo interno"… e per scherzo le ho detto che le sarebbe facilissimo "perché ce l'ha già nel secondo nome". Nella successiva email Ana Cristina mi ha chiesto di scriverle qualcosa su di lui. Per mesi sentivo di avere la risposta sulla punta della lingua, ma per qualche motivo, non riuscivo a scrivere nulla.
Una sera stavo cenando con il mio amico Carlos Jesús Ibarra Castellanos (anche lui ha Cristo nel nome). Eravamo in un ristorante italiano a Caracas. Lui mangiava *spaghetti Napoli* con succo di limone zuccherato; io *pasta alle vongole*, con una birra *Polar*. Il "Sorrento", con i suoi vecchi ventilatori a pale sul soffitto, i tavoli con tovaglia a quadri e le ricette casalinghe italiane, è uno dei luoghi ideali per parlare.

La cena si prolungava nel bel mezzo di una delle solite epiche conversazioni spirituali che ho con Carlos. E il mio amico spara una frase memorabile del maestro indù Osho: "Buddha, più che buddhisti, voleva altri Buddha; Cristi, più che cristiani, voleva Cristi". "Amico - gli ho risposto - questa frase merita un articolo". Appena arrivata a casa mi sono messa a scrivere questo articolo, con cui rendo omaggio alla mia amica di Cordoba e al mio amico di Caracas.


*Se vedi la più piccola differenza tra te e Dio, non hai capito nulla!*
"Chi vede Dio nel suo prossimo, non deve cercare più", ha detto una volta Mahatma Gandhi. "Ama il tuo prossimo come ami te stesso", sosteneva due mila anni prima Gesù di Nazareth. Ciò nonostante, ci chiediamo, come puoi amare il prossimo se non ami te stesso? Puoi saziare la fame dei tuoi simili se hai la dispensa vuota? Diventerai fonte di acqua per chi ha sete se il tuo pozzo è secco e tu stesso muori disidratato?
Gandhi e Gesù ci esortavano a trovare Dio e l'Amore nel prossimo perché prima li avevano trovati in loro stessi. E quando trabocchiamo di Dio e Amore, sinonimi esatti secondo la saggezza del Nazareno, non siamo capaci di differenziare tra noi e i nostri simili. In questo momento, tutti e Tutto diventiamo Uno.
Sì, nella piena coscienza dell'Amore, siamo tutti Uno. Per questo, da tre mila anni, leggiamo negli *Upanishads* (testi sacri dell'Induismo): "Se vedi la minima differenza tra te e Brahman (Dio, l'essere superiore) è perché non hai capito nulla". Nel Vangelo secondo Tommaso (apocrifo), il celebre falegname di Betlemme disse: "Quando da due ne fate Uno, quando l'interno sarà uguale all'esterno, quando quello che sta sopra sarà uguale a ciò che sta sotto, allora entrerete nel Regno dei Cieli".

Questa piena coscienza di Dio in noi, l'infinita esperienza dell'Amore che riunisce (che "religa", radice della parola "religione") tutti gli esseri umani nell'Unità del Padre, è ciò che chiamiamo il Cristo. È un'esperienza piena di potere ed espansione perché c'è forse qualcosa di più potente di sperimentare tutta la creatività di Dio in noi? Convertirci in Cristo è stato indubbiamente il maggior apostolato di Gesù. Cosa diceva il falegname ebreo dopo aver curato i malati, eliminato i demoni, trasformato l'acqua in vino e camminato sull'acqua? Il suo messaggio era forte: "Cose del genere, o ben *più grandi*, le farete anche voi!" (nota, il *più grandi*).

Voleva forse discepoli passivi, docili pecore timorose dal bastone del pastore? No, il suo messaggio era pieno di Potere: "Siete dei", ha detto ai suoi discepoli e a chi lo ascoltava. Per questo, e secondo i suoi insegnamenti, se "la vostra fede avesse la dimensione di un mese di senape e diceste a questa montagna*passa da qui a lì*, si sposterà; nulla sarà impossibile" (nulla!). Quando un Gesù o un Buddha ci vedono con poco pane o pesce, ci spingono a pensare in grande, ci esortano a operare nel seguente modo: "Moltiplicateli e saziate la fame di migliaia, milioni - che siano amici, sconosciuti o nemici".

Dopo aver esaminato questi passaggi, la frase del maestro Osho con cui abbiamo iniziato questo articolo ci sembra ancora più chiara: "Buddha, più che buddisti, voleva altri Buddha; Cristi, più che cristiani, voleva Cristi". Per questo, diventare Cristo o Buddha non è una tronfia pretesa del nostro ego, una demente aspirazione del nostro spirito: infatti, è la nostra più grande e unica
Necessità spirituale.


*Tutto ciò che non è Cristo, sono veli che lo nascondono*
Tutto ciò che non è Amore, sono ostacoli che ci separano dalla coscienza di Cristo. Il mistico musulmano Abubalas Ben Alarif lo dice con queste parole: "Tutto ciò che non è Dio, sono veli che lo nascondono"; e aggiunge: "Tu (*tu* come *ego*) sei il velo che nasconde al tuo cuore il segreto del Suo mistero". Hafiz, un altro pensatore maomettano afferma: "Tu sei la tua propria barriera... Saltala da dentro!".

Quando l'amore inizia ad aprirsi un passaggio nei nostri cuori, diventa un potente agente di pulizia spirituale, capace di dissipare decenni di miseria psicologica, abusi emotivi e paure di vivere appieno (i veli che ci nascondono la coscienza di Cristo); anni di pantano e blocchi svaniscono come Nulla, vengono eliminati nella sacra eternità dell'istante presente - unico luogo dell'Amore perfetto.

Sì, quando l'Amore prende un cuore... lo svuota di tutto ciò che non è Esso! Per Amore, la malattia si trasforma in salute; l'ira cambia in misericordia, l'avarizia diventa generosità; i pregiudizi lasciano il posto a una nuova apertura , la depressione diventa l'inutile crisalide da cui emerge gloriosa l'allegria; il rancore si arena nelle pacifiche baie del perdono; e le tenebrose grotte del nostro cuore si illuminano con l'infinita Luce di Cristo.

Dice la mistica americana Mary Baker Eddy: "Il proposito dell'Amore divino è quello di resuscitare la comprensione e il regno di Dio, il regno dell'armonia che è già dentro di voi (...) Amore, che parola! Con stupore reverenziale mi inchino di fronte ad essa. Su quanta parte del mondo agisce ed è sovrana! Il Tutto infinito del Bene, il Dio unico, è Amore".

Continua la maestra spirituale: "L'amore non è un qualcosa che si sistema su una mensola per riprenderlo in rare occasioni con le mollette per lo zucchero e metterlo su un petalo di rosa. Esigo molto dall'Amore, esigo prove efficaci di esso (...) A meno che appaiano, metto in disparte la parola, come qualcosa di finto che non ha il suono vero del metallo. L'Amore non può essere una mera astrazione, o *bontà senza attività e potere* (potere!), *è la silenziosa e incessante preghiera, il cuore pieno che si dimentica di sé stesso*".


*Il Cristo non è una persona, è la coscienza del fatto che l'Amore è Tutto*
Non confondiamo il Cristo e il Buddha con delle persone. Sappiamo già che sia Gesù che il Buddha, il principe indù, non volevano essere circondati da sottomessi membri di sette, o schiavi del culto della personalità. Volevano essere accompagnati da Cristi e Buddha, colleghi efficienti come loro stessi.

Desideravano solo una cosa per te: che liberassi il tuo potere personale - che smuovi letteralmente montagne con la tua coscienza in Cristo o lo stato del Buddha, ovvero, con la piena comprensione spirituale che Dio è Amore e l'Amore è Tutto.

Ogni "ismo" (forse, come me, sei dipendente da qualcuno) che ti separa dalla tua coscienza del Cristo e dalla serena sensazione di unità con il resto degli esseri che abitano l'Universo, è un ostacolo che ti impedisce di sperimentare l'infinita grazia del Padre-Madre.

Ogni guru, unione religiosa, istituzione educativa, mezzo di comunicazione di massa, partito politico, sistema ideologico, amante di turno o amico che vogliano allontanare il tuo potere personale, si servirà di "dei estranei" al tuo Cristo interiore per controllarti spiritualmente, mentalmente,
emotivamente e fisicamente. Ti ricorderà, ad esempio, quanto debole, peccatore, incompetente e infame sei per non farti ricordare la tua vera origine - l'Uno da cui emana il Tutto.

Si serviranno di questi "veli" immaginari che abbondano nei cuori vuoti - quelli in cui non brilla l'Amore - per renderti incapace di sanare te stesso e il prossimo; per farti naufragare nelle acqua dell'errore e non farti camminare su di esse; per rafforzare le montagne della tua incredulità e rendere la tua fede incapace di
muoverle; faranno sì che il Diluvio delle tue nevrosi ti impediscano di costruire la tua propria Arca; che a metà strada le acqua divise del tuo Mar Rosso si richiudano con violenza su di te e ti nascondano la breccia aperta di libertà che avevi ottenuto con il potere dell'Amore.

E cosa devi fare con chi vuole attenuare la tua coscienza di Cristo, eliminare la tua energia, ridurti ad una prigione emotiva o ideologica, limitare il tuo potere interiore? Solo una cosa: offrire ancora più Amore (porgere l'altra guancia), nella speranza che lei o lui si sveglino il prima possibile, ad immagine e somiglianza dell'Uno.

Il mistico musulmano Ibn Arabi lo dice molto chiaramente con questa poesia:
Il mio cuore può adottare tutte le forme:
È erba per le gazzelle
E monastero per i monaci cristiani
E tempio per gli idoli
E la Kaaba per il pellegrino
E le tavole della Torà e il libro del Corano
Io seguo la religione dell'Amore
Qualunque sia la direzione che prendano i cammelli
Questa è la mia religione e fede.

Caro lettore: non farti abbattere dai momenti negativi, gli incubi sinistri che a volte popolano le tue notti, i pensieri oscuri che si formano nella tua mente. Prega il Padre con questa certezza: "qualunque oscurità che cresca in Uno, diventerà Amore infinito che può tutto, che tutto illumina."

Questa è l'aurora radiante del Padre aspetta il sincero seguace della Verità!

Che il Cristo che si trova in te manifesti ogni giorno il suo vasto potere e benedica ogni istante della tua vita! 
http://www.innatia.it/c-frasi-filosofiche/a-frasi-di-saggezza-per-liberare-il-tuo-potere-personale-2652.html 

Nessun commento:

Posta un commento

SALVA O STAMPA IL POST IN PDF

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

CORRELATI

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...