venerdì 11 luglio 2014

L’Onu approva una risoluzione per proteggere «la famiglia naturale». L’Italia vota contro

onuQuasi tutto l’Occidente si è opposto, inutilmente, chiedendo di inserire «varie forme di famiglia». Si tratta del primo provvedimento per sostenere «il nucleo fondamentale della società» 
La famiglia è «l’elemento naturale e fondamentale della società»,  «l’ambiente naturale per la crescita e il benessere di tutti i suoi membri e in particolare dei bambini», perciò «deve ricevere la protezione e l’assistenza necessaria per poter assumere pienamente la propria responsabilità all’interno della comunità». Con questi termini il Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite ha approvato il 25 giugno una risoluzione a favore della famiglia.
NO ALLE «VARIE FORME DI FAMIGLIE». 
Il Consiglio l’ha approvata con 26 voti a favore, 14 contrari e 6 astenuti. Al termine della consultazione si è levato con un grande applauso dopo un anno di lavori per promuoverla. Sono stati 71 i paesi che hanno sponsorizzato il testo durante il ventesimo anniversario dell’Anno internazionale della famiglia, mentre finora non c’era mai stato bisogno di approvarne una. Nord America, tutti i paesi dell’Europa (Italia compresa) che siedono in Consiglio e alcuni stati del Sud America hanno cercato di inserire nel testo frasi per allargare la definizione di famiglia, parlando di «varie forme di famiglia».

Per l’Inghilterra, ad esempio, le coppie omosessuali con figli dovevano «essere considerate come famiglie», per l’Uruguay la famiglia non poteva «essere ridotta a un modello solo». Secondo gli Stati Uniti ci sarebbero «miriadi di strutture» familiari. Della stessa idea l’Argentina per cui è semplicemente «impossibile» definirla. Ma ad impedire la riformulazione si è schierata interamente l’Africa, parte del Medio Oriente, la Russia e la Cina.

IL TESTO DELLA RISOLUZIONE.
Cosa dice nel dettaglio la risoluzione? Ecco la traduzione:
«“Il Consiglio dei diritti umani, riaffermando gli obiettivi e i principi della Carta delle Nazioni Unite, ispirandosi della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo  (…) ricordando le risoluzioni 244/82 dell’8 dicembre 1989 (….) concernenti la proclamazione, la preparazione e la celebrazione dell’Anno internazionale della famiglia e dei suoi decimo e ventesimo anniversario, considerando che la preparazione e la celebrazione del ventesimo anniversario dell’Anno internazionale della famiglia sono una buona occasione di porre l’attenzione ancora una volta sui suoi obiettivi al fine di accrescere la cooperazione a ogni livello quanto alle questioni relative alla famiglia (…) riaffermando che incombe in primo luogo agli Stati di promuovere e proteggere i diritti dell’uomo e le libertà fondamentali di tutti gli esseri umani, in particolare delle donne, dei bambini e degli anziani, cosciente che spetta alla famiglia in primo luogo allevare e proteggere i bambini e che essi, per poter raggiungere una completa e armoniosa maturazione della loro personalità, devono crescere in un quadro familiare e in un’atmosfera di felicità, amore e comprensione, convinto che la famiglia, unità fondamentale della società e ambiente naturale per la crescita e il benessere di tutti i suoi membri e in particolare dei bambini, deve ricevere la protezione e l’assistenza di cui ha bisogno per poter assumere in pieno il suo ruolo nella comunità, riaffermando che la famiglia è l’elemento naturale e fondamentale della società e che essa ha diritto alla protezione della società e dello Stato, decide di organizzare, nella sua ventisettesima sessione, una tavola rotonda sulla protezione della famiglia e dei suoi membri (…); domanda all’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti dell’uomo di consultare gli Stati e l’insieme delle parti coinvolte (…) al fine di assicurare la loro partecipazione alla tavola rotonda; domanda nel contempo all’Alto Commissario di redigere un rapporto riassumendo le discussioni della tavola rotonda e di sottoporgliela nella ventottesima sessione; decide di continuare a interessarsi dell’argomento».

STRUMENTI OPERATIVI.
 «La maggioranza degli Stati membri desidera spostarsi su questioni che riguardano tutto il mondo e non solo un élite del Nord del mondo» ha dichiarato Austin Ruse, dell’istituto di ricerca americano Catholic Family and Human Rights Institute. Secondo Ruse, da settembre sarà costituito un panel per discutere gli strumenti operativi con cui proteggere e agevolare la famiglia naturale. «Per affrontare l’attuazione degli obblighi dei membri a norma delle disposizioni pertinenti al diritto internazionale dei diritti umani e per discutere le sfide e le migliori misure in riguardo».
Bendetta Frigerio
http://twitter.com/frigeriobenedet

fonte: http://www.tempi.it/onu-risoluzione-famiglia-naturale-italia-vota-contro#.U7zvjEBMGQB

Nessun commento:

Posta un commento

SALVA O STAMPA IL POST IN PDF

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

CORRELATI

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...