martedì 22 luglio 2014

Ipertensione: retromarcia in vista?

Linee Guida Europee 2013 sull'ipertensione arteriosa: retromarcia in sordina?

Nonostante siano passati quasi 6 mesi dalla pubblicazione le Linee Guida europee 2013 sull'ipertensione non hanno avuto la promozione e diffusione mediatica che invece meriterebbero. Ad oggi non è reperibile in rete, ad esempio, la versione italiana delle stesse, nemmeno sotto forma di schemi riassuntivi delle principali raccomandazioni e novità.
Rispetto alla precedente versione del 2007 vengono rivisti i target terapeutici "aggressivi" (specie per anziani, pz. ad alto rischio, coronaropatici, nefropatici) all'insegna di un atteggiamento più "slow" rispetto a quello "hard" del passato.
Di conseguenza viene superata la distinzione, presente nelle linee guida del 2007, tra pressione “normale alta” (130-140/80-90) ed ipertensione vera e propria (>140/90). Analogamente salta il doppio target per pazienti ad alto rischio (<130/80) e a basso rischio (<140/90), a favore di un unico limite di normalità valido per tutti (140/90).
Ecco in sintesi le principali raccomandazioni circa i target terapeutici.

L’obiettivo  di una PAS< 140 mmHg : 
  • a) è raccomandato nei pazienti a basso-moderato rischio cardiovascolare ;
  • b) è raccomandato nei pazienti con diabete ;
  • c) deve essere considerato nei pazienti con precedente ictus o TIA ;
  • d) deve essere considerato nei pazienti con malattia coronarica ;
  • e) deve essere considerato in pazienti con insufficienza renale cronica, diabetica o non diabetica.
  • In ipertesi anziani con meno di 80 anni e con PAS ≥ 160 mmHg ci sono prove evidenti per raccomandare la riduzione  della sistolica a tra 150 e 140 mmHg
  • Nei pazienti anziani sani con meno di 80 anni i valori di sistolica < 140 mmHg possono essere considerati, mentre negli  anziani fragili gli obiettivi dovrebbero essere adattate alla tollerabilità individuale 
  • Nei soggetti di età superiore a 80 anni e con sistolica iniziale ≥ 160 mmHg , si raccomanda di ridurre la pressione sistolica tra 150 e 140 mmHg a condizione che siano in buone condizioni fisiche e mentali 
  • l'obiettivo di PA diastolica <90 mmHg è sempre consigliato, eccetto nei pazienti con diabete, in cui sono raccomandati valori <85 mmHg.Va tuttavia considerato che i valori tra 80 e 85 mmHg sono sicuri e bentollerati
Commento. 
L’equazione del passato, che imponeva di portare la PA “sempre più giù” specie nei soggetti a maggior rischio, viene implicitamente abbandonata dalle Linee Guida 2013, perchè non supportata da sufficienti evidenze di letteratura e per target terapeutici troppo ambiziosi, specie negli anziani. Del resto i medici pratici sul campo hanno per primi sperimentato queste difficoltà, sia per oggettivi problemi di compliance degli ipertesi sia per il rischio di indurre effetti collaterali, ancora una volta in specifico nella popolazione geriatrica. Compliance terapeutica e rischio clinico avevano peraltro suggerito di seguire più il buon senso pratico e l’esperienza che non le indicazioni astratte ed ideali delle raccomandazioni degli esperti.

Nessun commento:

Posta un commento

SALVA O STAMPA IL POST IN PDF

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

CORRELATI

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...