martedì 1 luglio 2014

Il nostro "CICCIO" papa FRANCISCO non accettava opposizioni a Videla



Sono così angustiata e carica di rabbia che non so che cosa fare. Ha ottenuto ciò che voleva. Mi sembra di vedere Orlando nel salotto di casa nostra, qualche anno fa, che diceva: ‘Lui vuole essere Papa’. È la persona più adatta a nascondere il marcio. Lui è un esperto in insabbiamenti. Il mio telefono non smette di suonare, Fito mi ha chiamato in lacrime». La firma è quella di Graciela Yorio, sorella del sacerdote Orlando Yorio, che denunciò Bergoglio come responsabile del suo sequestro e delle torture che ha subito per 5 mesi nell’anno 1976. Il Fito di cui parla. e che l’ha chiamata sconsolato, è Adolfo Yorio, suo fratello.

- Come ha reagito quando ha saputo che l’uomo accusato di aver consegnato suo fratello nelle mani dei carnefici è stato eletto papa?

E’ paradossale: vedo che ai papi si è soliti dare un soprannome, per esempio Giovanni Paolo II fu chiamato il papa viaggiatore. Bergoglio lo hanno battezzato il papa villero, Perché ama i poveri. Ebbene, io vi racconto che lui ha voluto togliere di mezzo mio fratello proprio perché li aiutava questi poveri. Spiegatemi se non è paradossale.

- Che cosa crede che c’entri Bergoglio nel rapimento di suo fratello?

Mio fratello fu sequestrato insieme a Don Jalics. Prima che questo accadesse aveva già ricevuto avvertimenti di lasciar perdere la sua attività educativa nelle favelas. Bergoglio diceva a tutti che erano due guerriglieri. Quando poi furono arrestati i loro torturatori dicevano cose sospette del tipo: “Se era per noi stavi ancora nelle baracche ma qualcuno (Bergoglio probabilmente) voleva farti sparire.” Oppure dicevano:” Lei è un buon prete ma ha frainteso le parole del vangelo; quando si parla di poveri, si intendono i poveri di spirito, non i poveri veri.”

- Che cosa potevano mai volere i militari da un prete?

Credevano davvero fosse un guerrigliero. Perquisirono la sua casa in cerca di armi. Si immagini mio fratello con delle armi nascoste in casa. Ovviamente non trovarono nulla.

- Fu torturato a lungo?

Si, lo arrestarono il 23 aprile del 1976. Le prime quattro settimane le passò nel campo di concentramento dell’Esma. Dopo lo trasferirono in un appartamento, dove rimase per quattro mesi incatenato mani e piedi ad una palla di cannone.
- Come crede possibile che dopo tutto ciò, Bergoglio abbia potuto proseguire una carriera ecclesiastica così di successo?

Nella sua storia c’è un fatto strano. Nell’89 si ritira in un monastero sulle colline fuori Cordoba. E’ la fase meno nota della sua vita, poi, arrivò una lettera del cardinal Sodano, diceva: “Tutto a posto, puoi uscire, sei vescovo”.

- Crede che il mondo sappia chi si trova davanti?

No, credo che non abbia la minima idea, è il Papa e la gente piange e applaude. Ma Bergoglio sarebbe capace di vegliare un inferno per notti intere o di tramare nell’ombra per eliminare un concorrente scomodo. Soprattutto per questo va temuto."

Nessun commento:

Posta un commento

SALVA O STAMPA IL POST IN PDF

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

CORRELATI

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...