giovedì 24 luglio 2014

4 Punti per la Guarigione


di Frankpro
Propongo qui un sistema collaudato, ma sottile direi, di auto-guarigione che mi è stato trasmesso nel tempo da alcuni Spiriti Guida.

Non entro nel merito della bontà del metodo, perché esso non è scientifico, cioè non è dimostrabile, né ripetibile, poiché si basa solo sulla capacità soggettiva, personale, di entrare in sintonia profonda con questi quattro semplici elementi, interconnessi ed inscindibili tra di loro, ed applicarli.

Il primo elemento si chiama “inversione del nomina sunt consequentia rerum”, ed è stata la scoperta più sorprendente che ho fatto, circa il metodo. Assomiglia un po' al detto popolare “se non lo conosci non può farti male”, ma in quel caso si tratterebbe di ignorare per ignoranza, in questo caso invece si tratta di ignorare, proprio per Conoscenza!

Cioè, dato che in questo universo sappiamo che le cose diventano tali, cioè reali e tangibili, solo dopo che lo Spirito le abbia nominate, allora, proprio al fine di evitare che esse si manifestino, fatte e compiute, nella nostra realtà, allorché si abbia la percezione dell'avvento di una malattia nella nostra vita, è estremamente importante il fatto di rinunciare a nominarla!

Non mettersi lì ad analizzarla e a scandagliarla, al fine di individuarla scientificamente e affibbiargli un nome: questo significa anche rinunciare a fare le analisi mediche!

La logica di questo assurdo comportamento anti-scientifico sta proprio nel fatto che in questo universo vige la Legge per cui tutto ciò che viene nominato (e di conseguenza immaginato) viene ad esistere nel momento stesso in cui viene nominato. Anche se solo su un piano sottile inizialmente. Dopodiché subentra la latenza, cioè il periodo di incubazione in cui, dal mondo sottile, dietro nostri ripetuti richiami, quella cosa si manifesta nella nostra realtà.


Il secondo punto consiste soltanto nel rinunciare alla paura. Non dico che sia facile ma questo sentimento va assolutamente messo da parte, al fine di guarire. Meno ci si interessa al proprio male, più lo si lascia in disparte nel più completo disinteresse, e più la paura della malattia – figlia della paura della morte – non si affaccerà nelle nostre vite.

Qual'è l'opposto della paura? Il coraggio.

Quindi occorre un semplice atteggiamento coraggioso di disidentificazione dal male.

Ma attenti, perchè la paura è il sentimento più insidioso che c'è, è come l'olio bollente sulla terra fresca: vi cola dentro pure se la terra è compatta.

Se dovete fare dell'autoanalisi veramente, cercate di mettere bene a fuoco se la paura vi sta dominando in maniera strisciante, fino a che punto e cosa potete fare per mollarla. Nella stragrande maggioranza dei casi basta indirizzare il cervello verso altre mete.


Terzo punto: dinanzi al male ci sono due possibili radicate convinzioni sociali, opposte, che si possono adottare. La prima, la più diffusa, è che il male vada combattuto come un nemico: e allora giù con tutta l'allopatia disponibile?! La seconda, frutto in parte di conoscenza popolare, è che  il male, in realtà, derivi soltanto da uno squilibrio del corpo e che riportando il corpo -  e specialmente il sistema immunitario -  ad uno stato di forza e di salute, direi di equilibrio, il corpo si curi da solo.

Naturalmente fanno il paio con questa convinzione tutte le cure naturali ed olistiche che vanno impiegate di conseguenza.


L'ultimo elemento-chiave è la Fede.

Su di esso è totalmente inutile che io spenda due parole, poiché la fede è qualcosa che si può solo sperimentare. Aggiungo che, quando parlo di fede, non parlo di Religione: queste sono due cose che possono assolutamente non fare il paio.

Se credete che i vostri nonni, passati a miglior vita, vi siano a fianco nell'esperienza della malattia, va benissimo, affidatevi a loro ciecamente. Poichè: a) chiedete e vi sarà dato e b) vi sia fatto nella misura della vostra Fede. Questo elemento della fede è ovviamente, in assoluto, il più importante, quello che pesa di più sul piatto della bilancia.

Ricapitolando i quattro elementi, da applicare tutti insieme fino alla scomparsa del male, sono: 1) L'inversione del nomina sunt consequentia rerum 2) Mettere da parte la paura 3) L'adozione della convinzione che il corpo si auto-guarisce 4) La Fede. 

Insieme ad un acceso spirito di ricerca ed alla attitudine alla sperimentazione su di sé (questa si che è vera scienza!) si può guarire da ogni male.

Serena guarigione a tutti.


P.s. - Quanto ho scritto vuole essere più che altro uno stimolo verso la guarigione e la correlata ricerca di sé, non certo una ricetta medica ultima.

Il consiglio (che viene da sé) è sempre quello di adoperare il Buon Senso nell'ambito della cura, sia che si decida di perseguire la strada suddetta, sia che si scelgano altre metodologie, più invasive.

L'inciso finale è che le due convinzioni di cui sopra non sarebbero poi realmente del tutto antitetiche, se non nel mondo polare che decidiamo o meno di abbracciare.
Articolo pubblicato sul sito Ada Vede


======================
NOTA PERSONALE:
Da molto tempo ormai che autonomamente applico proprio questi punti per la mia autoguarigione. Non so come, ma li ho intuiti ed attuati e funzionano veramente bene, inoltre li ho comunicati ad amici che ora ne fanno uso anche loro, tuttavia non ho mai pensato di elencarli come indicato in questo post e mi sembra un eccellente metodo per diffondere di tale pratica.
Nelle mie personali esperienze ed esperimenti procedo come segue:
  • individuo le cause del sintomo, cerco di capire se è determinato da uno squilibrio prettamente chimico-fisico o come spesso accade invece si tratta di un “problema” psicologico, il solo riuscire a determinare l’origine del sintomo spesso contribuisce ad affievolire notevolmente ed a volte ad eliminare il disagio;
  • localizzo il punto preciso da dove scaturisce l’impulso doloroso tramite uno scanning mentale di ogni parte del corpo, operazione molto più semplice se la esplico con gli occhi chiusi e rallentando la respirazione;
  • una volta individuata la causa e localizzato il punto d’origine del malessere, qualora il disagio ancora sussiste in tal caso parlo amorevolmente con il mio “organismo” a volte anche con la singola parte interessata, gli dico che è tutto normale e che è una questione di tempo, insomma cerco di alleviare le tensioni subconscie che sfociano sul piano fisico e nel contempo favorisco il flusso energetico. In alcune circostanze invece, quando il male è di lieve entità, mi diverto a sfidare la parte interessata a vedere chi la vince, ovviamente sempre con innata amorevolezza;
  • un’altra cosa che faccio sempre è quella di ridere non appena il sintomo si affaccia, mi viene naturale e oltretutto è efficace per affievolirlo, il mio sentimento è istintivo e nasce dalla consapevolezza del fatto che in quell’istante l’organismo sta funzionando bene e mi sta segnalando uno squilibrio e sorridendo lo ringrazio del suo operato. Questo anche in considerazione del fatto che l’essere umano non è uno, ma un insieme immane di cellule tutte superbamente organizzate, specializzate con il loro scopo ed intenzioni, ma anche con una loro memoria racchiusa in minuscoli cristalli d’acqua all’interno della membrana cellulare e che si tramanda alle generazioni successive. Inoltre le varie componenti del corpo dialogano anche tramite messaggi “quantistici” con variazioni di campo ed variazioni/interruzioni di flusso energetico.
E’ importante per l’applicazione di tale metodologia giungere ad una concreta consapevolezza del proprio “essere” in caso contrario la mancanza di conoscenza determinerà una, se pur blanda, forma di paura per quel qualcosa che non si comprende ancora e che non agevolerà l’autoguarigione.
Marcello Salas.

Nessun commento:

Posta un commento

SALVA O STAMPA IL POST IN PDF

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

CORRELATI

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...