lunedì 19 maggio 2014

ll tè verde migliora l’efficienza del cervello, specialmente la memoria di lavoro

donna-libri-1024x683Al tè verde vengono attribuiti molti effetti benefici sulla salute. Ora una nuova ricerca condotta presso l’Università di Basilea e pubblicata nella rivista accademica Psychopharmacology evidenzia per la prima volta che gli estratti di tè verde accrescono le funzioni cognitive, specie nella memoria di lavoro. La scoperta promette di avere implicazioni cliniche per il trattamento di disordini psichiatrici come la demenza.
In passato i principali ingredienti del tè verde sono stati studiati nell’ambito della ricerca sul cancro. Più recentemente, gli scienziati hanno anche incominciato a indagare sugli effetti positivi del tè sul cervello umano. Sono molti gli studi che hanno messo in luce gli effetti benefici della bevanda sulla performance cognitiva. Malgrado ciò, sono rimasti sconosciuti i meccanismi neurali che sono alla base degli effetti positivi del tè verde.
Una memoria migliore
Nel nuovo studio il team di ricercatori del Prof. Christoph Beglinger dell’Ospedale universitario di Basilea e del Prof. Stefan Borgwardt della Clinica Psichiatrica Universitaria hanno scoperto che l’estratto di tè verde accresce la connettività effettiva del cervello.
Per lo studio 12 maschi volontari ricevettero una bevanda a base di siero del latte contenente 27,5 g di estratto di tè verde oppure la stessa bevanda ma senza estratto di tè , come controllo, mentre svolgevano compiti di memoria di lavoro. I ricercatori hanno valutato l’attività cerebrale usando la risonanza magnetica funzionale per immagini (FMRI). Essa ha mostrato un’accresciuta connettività tra la corteccia frontale e parietale del cervello. Queste scoperte neuronali si correlano positivamente con un miglioramento dell’esecuzione dei compiti dei partecipanti. Il Prof. Stefan Borgwardt ha commentato: “le nostre scoperte suggeriscono che il tè verde possa accrescere la plasticità sinaptica a breve termine del cervello.”
Implicationi cliniche
I risultati, secondo i ricercatori, forniscono la prima evidenza del possibile effetto benefico del tè verde nel funzionamento cognitivo. In particolare nello svolgimento di compiti della memoria di lavoro sono emersi nel sistema neurale cambiamenti della plasticità a breve termine delle connessioni fronto-parietali del cervello; l’utilizzo del tè verde potrebbe rivelarsi utile nel trattamento di disturbi cognitivi neuropsichiatrici come la demenza. (Science Daily April 7, 2014)

Nessun commento:

Posta un commento

SALVA O STAMPA IL POST IN PDF

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

CORRELATI

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...