mercoledì 23 aprile 2014

Vedere di nuovo senza occhiali

Rieducazione visiva con Power Vision System e metodo Bates per salvare la vista

Ciao, sono Arianna Piva e grazie alla rieducazione visiva ho potuto salvare la mia vista.
A 24 anni ero arrivata a -11 diottrie e mi si prospettava una possibile cecità per distacco di retina per via di questa miopia che mai s’arrestava. Dopo un particolare momento di panico a 25 anni, in cui sembrava che stessi per avere il distacco, ho deciso di passare all’azione perché ero stufa di subire tutto passivamente.
rieducazione visiva arianna piva
Iniziavo ad essere intollerante alle lenti a contatto che usavo ogni giorno, non potevo fare il laser, gli occhiali mi davano la nausea e mi facevano peggiorare ancora più e ad occhio nudo non potevo vivere normalmente. L’unica speranza l’ho trovata cercando su internet perché i medici non mi hanno mai dato alcuna soluzione.
 
Sono passati ormai 5 anni  dal giorno in cui digitai “guarire miopia” su google, proprio nel marzo 2009, e da allora la mia vita si è capovolta! Ho scoperto un mondo sconosciuto e meraviglioso grazie a Power Vision System e Bates, dove la miopia non è un male inguaribile né irreversibile, dove il panico di morire se non metto gli occhiali non ha più senso di esistere e si è trasformato nell’entusiasmo per ciò che riesco a vedere senza ausili.
Ora posso stare molto del mio tempo senza occhiali e nei momenti di bisogno uso correzioni che vanno da -4  a -6.50 (-7.50 di notte con la pioggia).
Adesso ti parlerò della rieducazione visiva che mi ha aiutata a rinascere sia visivamente che poi in molti altri aspetti della vita.
 
L’educazione visiva è esattamente una EDUCAZIONE o meglio una RIEDUCAZIONE per cambiare certe abitudini quotidiane ed imparane di nuove.
Queste nuove e sane abitudini potranno salvaguardare la tua vista: mantenerla ottimale se già lo è (PREVENZIONE), migliorarla se è difettosa (RIABILITAZIONE), non peggiorare più (MANTENIMENTO) se non si vuole fare un particolare percorso di riabilitazione.
Il sistema visivo è un sistema dinamico di interazioni, è flessibile, si può allenare e si adatta agli stimoli che gli diamo.

Perché è importante?

In quest’epoca tecnologica ci siamo allontanati così tanto dal modo naturale di vivere che tutto il nostro corpo (e pure la mente) è costretto a pagarne le conseguenze, occhi compresi.
Bisogna ricordare che ci siamo evoluti milioni e milioni di anni in condizioni naturali, alla luce diurna del sole, mangiando cibi crudi, non trattati, non raffinati, vivendo all’aperto e NON tutto il tempo fra 4 mura, tanto meno a leggere o stando al PC per 8-12 ore al giorno!
E’ quindi importantissimo ridare quel po’ di stimoli naturali per salvaguardare la vista e la salute in generale; per chi non può passare molte ore al giorno all’aperto ci sono anche altre soluzioni grazie al defocus retinico di Power Vision System.

Quanto diventa necessaria la Rieducazione Visiva?

Il momento più importante per imparare ed applicare la rieducazione sarebbe da prima di diventare miopi (grazie alla prevenzione tramite l’igiene visiva), ma se il difetto si è già presentato è importantissimo iniziare dal momento in cui ci prescrivono il nostro primo paio di occhiali.
Assieme agli occhiali dovrebbero insegnarci come e quando usarli, dovrebbero lasciarci per lo meno delle istruzioni da seguire. L’occhiale è un mezzo che se usato indiscriminatamente, senza sapere come e perché, deteriora in modo progressivo la nostra acuità visiva: impigrisce e VIZIA TUTTO L’APPARATO VISIVO, DALLA MUSCOLATURA AL CERVELLO.
Si dovrebbe istituire un insegnamento scolastico fin dalle elementari per andare alla radice del problema ed eliminarlo dall’umanità: come esiste l’educazione fisica, l’educazione civica, dovrebbe esistere anche l’educazione visiva (e anche l’educazione alimentare, visti i disastrosi effetti prodotti dal cibo moderno e l’ignoranza incredibile in materia anche da parte dei medici stessi).
Dovrebbero educarci all’utilizzo dei nostri occhi e degli occhiali. Questo aiuterebbe ad estirpare i difetti visivi più comuni come miopia, ipermetropia, astigmatismo, presbiopia, nelle prossime generazioni.
Una rieducazione visiva svolta in modo massivo porterebbe anche ad una minore percentuale di casi di maculopatia, cataratta, retinopatie ecc…

Perché la rieducazione visiva non è ancora diffusa?

Purtroppo la maggioranza degli accademici attualmente non considera l’occhio nella sua interezza, non ritiene sufficientemente rilevante nel risultato visivo finale il fatto che l’occhio sia mosso da muscoli che devono essere ben sciolti e coordinati e che è altrettanto importante l’interpretazione del cervello rispetto i dati che gli giungono.
Non ritengono importante fare esercizi di mobilità, coordinazione né dare una particolare attenzione all’iper-accomodazione, cosa che invece chi fa rieducazione visiva (professionisti e non ) sa essere molto rilevante nel tempo. Non ritengono un problema il portare occhiali sempre, quando invece vanno appunto a viziare l’apparato visivo.
Comunemente si ritiene che solo il cristallino e la lunghezza assiale concorrano nella messa a fuoco, dimenticando che esistono persone afachiche (senza cristallini) che riescono a vivere una vita senza occhiali normalmente o quasi. Questa mancanza di visione più ampia, ha fatto si che ci fossero stati e ci siano tutt’ora persone che peggiorano in modo progressivo e inarrestabile.
Non è una loro colpa, si tratta del tipo di studi che hanno fatto. Finché non diventerà una materia obbligatoria in ogni università che tratta la visione, non la conosceranno o non la accetteranno. Qualche università di optometria comincia ad introdurre tematiche del genere e finalmente cominciano ad esserci alcuni preparati in tale ambito, ma sono ancora rari.
Vedi elenco professionisti che conoscono e applicano la rieducazione visiva ai pazienti che lo richiedono.
SCOPRI DI PIÙ  nel mio sito www.miglioralatuavista.it
Il prossimo workshop è in programma per il 30 marzo a Milano. Dettagli
Esempio di esercizi di rieducazione visiva:
VIDEO Power Vision System – TUTORIAL1 [ITA]: rotazioni ad occhi aperti
 

Nessun commento:

Posta un commento

SALVA O STAMPA IL POST IN PDF

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

CORRELATI

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...