martedì 22 aprile 2014

Estrarre l'acqua dall'aria!

Warka In alcune parti d'Etiopia , trovare acqua potabile è un viaggio di sei ore.
La gente della regione spende 40 miliardi ore all'anno cercando di trovare e raccogliere l'acqua, secondo il gruppo Water Project . E anche quando la trovano , l'acqua spesso non è sicura, raccolta da stagni o laghi brulicanti di batteri infettivi , contaminati da rifiuti di origine animale o da altre sostanze nocive.
La questione, la scarsità d'acqua che colpisce quasi 1 miliardo di persone nella sola Africa , ha attirato l'attenzione di filantropi e grandi nomi come l'attore e co-fondatore di Water.org  Matt Damon ed il fondatore di Microsoft Bill Gates , i quali , tramite le rispettive organizzazioni no-profit , hanno versato milioni di dollari in ricerca di soluzioni, creando cose tipo un sistema che converte l'acqua del WC in acqua potabile.
I critici , tuttavia , hanno i loro dubbi circa l'integrazione di tali tecnologie complesse in villaggi remoti che non hanno nemmeno accesso a un tecnico locale. Costi e manutenzione potrebbero rendere molte di queste idee impraticabili.
"Se i tanti progetti di sviluppo falliti degli ultimi 60 anni ci hanno insegnato qualcosa", ha scritto critico il fondatore di "Toilets for Peole" Jason Kasshe , in un editoriale del New York Times , "è che le soluzioni complicate non funzionano."
Altre invenzioni a bassa tecnologia , come la Life-Straw (Cannuccia per la Vita) , non sono così complicate , ma hanno comunque bisogno che gli utenti vadano a cecare l'acqua.
E ' stato questo dilemma, fornire acqua potabile a basso costo e sul posto, a servire da stimolo per un nuovo prodotto chiamato Warka Water. Una struttura poco costosa, facilmente assemblabile che estrae litri di acqua fresca dall'aria.
L'invenzione del designer industriale italiano Arturo Vittori , e del suo collega Andreas Vogler, non comporta gadget complicati o opere di ingegneria , ma invece si basa su elementi semplici: forme e materiali, e il modo in cui lavorano insieme.
Warka1A prima vista , le torri a forma di vaso alte 10 metri, dal nome di un albero nativo dell'Etiopia, hanno l'aspetto di una installazione artistica appariscente. Ma ogni dettaglio , dalle curve accuratamente posizionate, ai materiali unici , ha uno scopo funzionale.
Il rigido involucro esterno di ogni torre è composto da canne di bambù leggere ed elastiche, intrecciate in modo da offrire stabilità contro forti raffiche di vento, pur consentendo all'aria di fluire attraverso. All'interno una rete di maglia in nylon o polipropilene, che richiama alla mente una grande lanterna cinese, serve a raccogliere le goccioline di condensa che si formano lungo la superficie . Con il raffreddarsi dell'aria (dal giorno alla notte), le goccioline rotolano giù in un contenitore alla base della torre . L'acqua nel contenitore passa quindi attraverso un tubo che funziona come un rubinetto , che trasporta l'acqua a terra.
Utilizzare tessuti per condensare l'acqua potabile non è un concetto completamente nuovo. Pochi anni fa uno studente del MIT ha progettato un dispositivo simile per raccogliere acqua dalla nebbia. Ma l'invenzione di Vittori produce più acqua , ad un costo inferiore , rispetto ad alcuni altri concetti che l'hanno preceduta .
Warka2"In Etiopia non esistono infrastrutture pubbliche,  e scavare un pozzo non è facile", dice Vittori . "Per trovare l'acqua , è necessario scavare molto in profondità, spesso fino a 500 metri . Quindi è tecnicamente difficile e costoso . Inoltre, le pompe hanno bisogno di elettricità per funzionare C'è poi il problema dell'accesso ai pezzi di ricambio in caso di rottura della pompa".
Come funzionerà il progetto Warka nei territori sub-sahariani? "Test interni hanno dimostrato che una torre Warka può fornire più di 100 litri d'acqua al giorno", sostiene. E' molto fiducioso perché il fattore più importante nella raccolta della condensa è la differenza di temperatura tra il tramonto e l'alba. Quindi dovrebbero avere successo anche nel deserto , dovel'escursione termica può essere enorme.
Le strutture , realizzate con materiali biodegradabili , sono facili da pulire e possono essere erette senza attrezzi meccanici in meno di una settimana . Inoltre , dice, "una volta che i locali avranno il know - how necessario, saranno in grado di insegnare ad altri villaggi e comunità come costruire la Warka."
In tutto , una torre Warka costa circa 500 dollari, meno di un quarto del costo di qualcosa come il gabinetto Gates, che costa circa 2200 dollari per installare e ancora di più più per mantenere. "Se la torre venisse prodotta in massa, il prezzo sarebbe ancora più basso", dice Vittori . Il suo team spera di installare due Warka in Etiopia entro il prossimo anno ed è attualmente alla ricerca di investitori che potrebbero essere interessati a produrre in massa la tecnologia di raccolta dell'acqua in tutta la regione.
"Non è solo le malattie, che stiamo cercando di affrontare . Molti bambini etiopi provenienti dai villaggi rurali trascorrono molte ore ogni giorno a prendere l'acqua , tempo che potrebbe essere usato per attività più produttive e per l'educazione ", dice . "Se fossimo in grado di dare alla gente qualcosa che permette loro di essere più indipendenti , potrebbero liberarsi da questo ciclo."
Fonte: coscienzeinrete.net
http://informatitalia.blogspot.it/2014/04/estrarre-lacqua-dallaria.html#more 

Nessun commento:

Posta un commento

SALVA O STAMPA IL POST IN PDF

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

CORRELATI

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...