martedì 4 marzo 2014

L'Importanza della Posizione del Letto per un Sonno Efficace



Da non molto tempo ho scoperto, tramite la testimonianza di una persona di mia conoscenza, l'importanza che ricopre la posizione del letto in cui dormiamo; da essa può dipendere la qualità del nostro sonno.

L'importanza della posizione del letto
Qualche tempo fa mi capitò di soffrire di un forte dolore alla schiena che si manifestava principalmente la mattina; spesso era accompagnato da mal di testa o da un senso di spossatezza che mi assaliva non appena mi alzavo dal letto.
Stavo attraversando un periodo piuttosto difficile della mia vita e così, nella convinzione che mettere ordine fuori aiuti a riordinare anche quello che si prova dentro, per puro "caso" decisi di cambiare la disposizione dei mobili della mia camera.
Il letto, in particolare, subì uno spostamento notevole da una parte all'altra della stanza; lo girai anche di 90 gradi,  allineandolo con l'asse nord-sud.

La mattina dopo mi alzai in perfetta forma, senza alcun dolore; dopo mesi di inspiegabili malesseri  mattutini tutto sembrava tornato normale.
Mi venne spontaneo chiedermi se ci fosse una connessione con la posizione del letto.
Fu così che venni a conoscenza dei "nodi di Hartmann".
 In poche parole la terra è attraversata verticalmente ed orizzontalmente da una serie di linee elettromagnetiche  che formano , come una una sorta di rete, quadrati di circa 200 cm per lato. I punti dove le linee verticali e quelle orizzontali si intersecano, chiamati nodi, emanano un'intensa attività radiante che, spesso, risulta dannosa per la salute durante il sonno.

Il mio letto, com'è evidente, si trovava proprio su uno di questi nodi.
Il nostro sistema nervoso, in questi casi,  di solito si attiva subito per mantenere un equilibrio psicofisico ma se si passa molto tempo su questi forti campi magnetici, per esempio dormendo nello stesso letto per anni ed  anni, possono insorgere dei problemi seri, delle vere e proprie malattie.

I nodi di Hartman sono spesso alla base anche di patologie che affliggono bimbi di pochi mesi e che dormono, per molte ore al giorno, in una culla messa nel luogo meno adatto da genitori inconsapevoli.

Ma non solo i "nodi di Hartman" sono importanti, bisogna tener conto anche dell'orientamento del letto affinche il sonno risulti efficace.

Una tradizione dell'antico Egitto narra che la posizione notturna con la testa a Nord favorisce la fluidità della circolazione sanguigna. A conferma di ciò, esperimenti effettuati al Centro del sonno di Barkeley, con l'uso di un letto girevole, hanno dimostrato che quando la testa è a Nord la profondità del sonno è maggiore che negli altri orientamenti. Vale la pena dunque modificare in tal senso la posizione del letto.

Campi elettromagnetici
Appurato che la posizione del letto deve stare sull'asse sud-nord è degno di nota sottolineare il fatto che, in un ambiente domestico, il campo magnetico più rilevante è quello generato dai fili dell'impianto elettrico; è consigliabile quindi eliminare dal letto, in caso ve ne siano, la presenza di strutture in metallo a forma di anello potrebbero fungere da antenna ed andare in frequenza con i 50 Hz, generando così armoniche a diverse frequenze ed interferire col sonno.
Mr.Loto Suggerimenti pratici

Nessun commento:

Posta un commento

SALVA O STAMPA IL POST IN PDF

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

CORRELATI

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...