lunedì 17 febbraio 2014

Una app per boicottare Monsanto

di Claudia Raganà il 2 luglio 2013




  • Em
Quante volte ci siamo chiesti, nel momento in cui acquistiamo un prodotto apparentemente green o “naturale”, quale sia in realtà la sua vera provenienza e se quanto riportato sull’etichetta corrisponda a verità… Certo, è spesso complicato risalire alla vera natura di un prodotto e ai suoi legami con aziende definite “non etiche“ a causa delle loro pratiche non sostenibili.
Ma adesso abbiamo un aiuto in più per sapere cosa stiamo comprando: grazie ad una App, saremo in grado di passare allo scanner ogni nostro acquisto, per sapere se stiamo contribuendo ad alimentare aziende e multinazionali non etiche.
Buycott, è un piccolo scanner che, passato sul prodotto che vogliamo analizzare, riuscirà a risalire alle aziende che si celano dietro dei marchi apparentemente “puliti”.
Ad esempio, potremo sapere se stiamo mangiando dei cereali a colazione, provenienti da una delle 36 aziende che hanno “donato” un obolo di oltre 150.000 dollari (circa 114mila euro) per non apporre l’etichetta, oramai obbligatoria negli USA e in molti paesi al mondo, che indica la provenienza da colture OGM.
Tramite Boycott possiamo venire a conoscenza di campagne contro un determinato prodotto o una determinata azienda o gruppo di aziende e prenderne parte, ma si possono supportare anche delle campagne positive e di supporto ad alcuni brand o ad alcune cause.
Sempe di più si fa la spesa con il supporto dello smartphone per essere informati su quello che compriamo.

Nessun commento:

Posta un commento

SALVA O STAMPA IL POST IN PDF

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

CORRELATI

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...