domenica 2 febbraio 2014

Istigazione al suicidio, più di 15mila querele contro il governo

ISTIGAZIONE AL SUICIDIO: 15.132 QUERELE , MAGISTRATI AIUTATECI!
Come vi avevo scritto su precedente articolo questa storia sembra un programma che durera' molto. Istigazione al suicidio art. 580 del codice penale "LE ACCUSE" e gli italiani rispondono con 15.132 querele depositate contro le ultime due legislature, come a dire "ORA BASTA" ma non da italiani lamentuosi su un computer ma con fatti, migliaia di cittadini hanno creato una forza e confidano ora nella giustizia.
La magistratura ha già ricevuto in passato denunce singole come quella dell'avvocato Musu ma mai e' stata inondata da migliaia di denunce e adesso servono "MAGISTRATI" che professionalmente e sopratutto umanamente aprino le indagini, magistrati che possano comprendere la disperazione dei cittadini, la loro voglia di reagire e vivere e magistrati che convincano il governo che gli italiani non devono suicidarsi per la loro indifferenza tenendo conto il modello "TRENTINO" che ha istituito un reddito di garanzia che se dovesse allargarsi nel territorio nazionale costerebbe circa 5 miliardi, gli stessi dati ad una banca privata, gli stessi dati ai partiti, gli stessi dati ai dirigenti, gli stessi dati alle pensioni d'oro, 5 miliardi il valore dei nostri italiani suicidati, 5 miliardi che date alle famiglie possono ritornare nell'economia reale per acquistare beni necessari ad un nucleo familiare e non farli morire di vergogna.
La rabbia e' tanta e si rischia una rivoluzione civile [spero] se continuano a parlare di alleanze politiche, leggi elettorali e preparare un campo libero per le prossime elezioni senza pensare che chi vota e' il popolo sovrano che li vuole tutti fuori dal palazzo e non ha intenzioni di votarli questa volta salvo chi e' in una botte di ferro che avviso loro si sta arrugginendo e quindi attenti anche voi cari signori. 15132 fatti e questo deve far pensare che la gente e' disposta a reagire e spero che nella immediatezza si faccia qualcosa perché ho il timore che se nulla verrà fatto difronte a questa reazione di massa rischiamo reazioni che oltrepassino il limite legale ed a questo punto qualcuno dovrà farsi un esame di coscienza.
Adesso l'invito alle istituzioni e alla magistratura arriva da una grande massa di gente e non puo' essere non presa in considerazione , manifestazioni a roma , sciopero fiscale ed altre iniziative arrivano dalla disperazione della gente ed e'finito il tempo delle chiacchiere, LA MAGISTRATURA E LE ISTITUZIONI devono subito dare risposte e se 5 miliardi non siete disposti a toglierveli dai tanti privilegi allora non siete degni di rappresentare un paese che si chiama ITALIA che agli occhi del mondo l'avete fatta diventare un paese dove nessuno vuole piu' entrarci e in tanti preparano le valigie.
tabella cerea 
REDDITO DI GARANZIA, LA PROPOSTA
§§§§§§§§§§

"Tutti denuncino Letta e Monti. I suicidi sono sulla loro coscienza"

"Questi pensano che chi arriva a togliersi la vita sia un pazzo o un debole. Ma non è così. E' gente abbandonata dal governo e dallo Stato. Quei morti ce li hanno tutti sulla coscienza". Antonio Corcione, ideatore della denuncia di massa al governo per istigazione al suicidio, spiega in un'intervista ad Affaritaliani.it origine e obiettivi dell'iniziativa: "Se ci fossero politiche sociali le persone non arriverebbero a tanto. Ma ai politici interessano di più gli F35 e le auto blu che i problemi di chi resta senza lavoro". In pochi giorni 12 mila persone hanno condiviso l'idea: "Tutti possono presentare un esposto con l'aiuto di sei studi legali tra cui quello di Carlo Taormina". Sui Forconi: "Spaccandosi hanno tradito gli italiani. Con le buone in Italia non si ottiene niente, dobbiamo mandarli in galera".
Antonio Corcione, com'è nata l'idea di denunciare il governo per istigazione al suicidio?
Nasce dall'esperienza di una web radio, Radio Informazione Libera, dove abbiamo spesso parlato di problemi sociali. Mi sono imbattuto in diversi casi di suicidi per la crisi. Ho pensato che così davvero non si potesse più andare avanti. Parlando con l'avvocato Antonio Grazia Romano abbiamo cercato di trovare una soluzione e abbiamo capito che si poteva denunciare il governo per istigazione al suicidio.
Quante persone sono state coinvolte in questa idea?
Fare singolarmente una denuncia, io o la famiglia dell'uomo suicidato che mi ha fatto decidere di dare il via al tutto, non sarebbe servito. Abbiamo capito che doveva essere coinvolto il maggior numero di persone possibile. Così subito dopo Natale abbiamo creato un evento su Facebook. Non credevamo ai nostri occhi: nel giro di qualche giorno hanno aderito 6-7 mila persone. A oggi sono 12 mila ma solo perché si è bloccato il contatore. Da qui tutta una serie di messaggi che ci arrivano nel privato di persone che si sentono abbandonate dallo Stato, dal governo e dalle istituzioni.
Quanti studi legali hanno deciso di aderire?
Per ora ce ne sono sei. Le richieste sono tante, ma noi prima di coinvolgere uno studio legale valutiamo la bontà delle loro intenzioni. Non vogliamo che qualcuno ci speculi. Per esempio l'avvocato Carlo Taormina si è presentato da solo e ha accettato di farlo gratuitamente. Qualsiasi cittadino può fare la denuncia senza pagare compensi.
Chiunque può fare la denuncia?
Chiunque può presentare l'esposto. Abbiamo messo online una bozza di denuncia e sono già tantissimi quelli che la stanno scaricando. Basta scaricarla, compilarla e scegliere uno degli studi legali messi a disposizione.
Qual è la base per chiedere la condanna per istigazione al suicidio del governo?
Non ci sono politiche sociali. Se una persona si reca al proprio Comune perché ha bisogno qualcosa gli viene detto che non ci sono soldi. Non esiste il reddito di cittadinanza. I cittadini si sentono abbandonati, nessuno si occupa delle persone in difficoltà economiche. Anzi, al contrario. Ci sono molti casi di genitori che perdono il lavoro e che si vedono togliere i figli dagli assistenti sociali. C'è tanta gente che ha perso tutto e che non vede altra uscita possibile se non il suicidio. Sono stati istigati. Se ci fosse stata una poltica sociale i suicidi non ci sarebbero. Altro che F35, il governo dovrebbe dare sostegno alle famiglie. E invece continuiamo a vedere tutti gli sprechi e le auto blu... Insomma, ci sono i presupposti perché venga aperta un'inchiesta, speriamo solo di trovare un magistrato che voglia farlo.
La denuncia è rivolta solo al governo Letta o anche a quelli precedenti?
La denuncia è rivolta al governo Letta e al governo Monti.
Qual è il vostro obiettivo?
Mandarli in galera e fargli restituire tutto.
Crede che con un governo diverso le cose migliorerebbero?
Non credo più nella politica italiana. Se salissero persone serie e oneste credo che l'Italia si potrebbe salvare ma non so se ce ne sono. Troppe persone vengono abbandonate. Questi pensano che la gente che si suicida sia folle o debole, ma non è così. Sono loro i veri responsabili di più di 2200 morti negli ultimi anni. Tutte queste vittime ce le hanno loro sulla coscienza.
Avete rapporti con il Movimento 9 Dicembre?
Noi ringraziamo il Movimento 9 Dicembre perché ha risvegliato la coscienza di tante persone ma purtroppo alla fine è stato una grande delusione. Le loro spaccature interne hanno portato allo sconforto tanta gente. Molti presidi hanno chiesto di collaborare con noi. Ci sono alcuni presidi, come quello di Reggio Calabria, che in queste ore stanno andando a presentare la nostra denuncia in massa.
Meglio la linea oltranzista di Donato Calìvani o quella più conciliante di Mariano Ferro?
Per cambiare il Paese non bisogna scendere a compromessi con questo governo. Personalmente appoggiavo la linea della protesta a oltranza con più cittadini possibile. Premetto che sono contro ogni forma di violenza ma purtroppo in Italia con le buone non si arriva da nessuna parte. Purtroppo il movimento si è spaccato, sono stati a discutere a lungo per stabilire chi aveva tradito chi ma la verità è che alla fine sono loro che hanno tradito gli italiani.
E se nessun magistrato aprisse un'inchiesta a partire dalla vostra denuncia?
Abbiamo creato un Comitato, che si chiama Comitato Popolare articolo 580 cp (dall'articolo che prevede l'istigazione al suicidio) e questa è solo la prima iniziativa. Ce ne saranno altre centinaia. Faremo una o due denunce di massa al mese fino a quando non gliela faremo pagare.
 Lorenzo Lamperti
twitter@LorenzoLamperti
DENUNCIA DI MASSA: L'INIZIATIVA
Di Giuseppe Iudici
I cittadini, dopo il coordinamento del 9 dicembre che, nonostante la sua spaccatura ai vertici, continua con presidi, affilano le armi con un "Esposto-Querela" di massa. L'iniziativa parte da pochi cittadini che creano un evento sui social network e dai 200.000 invitati in pochi giorni piu' di 10.000 partecipano.
Persone comuni come Antonio Corcione, Aladino Lorin, Lino Ricchiuti, gli avvocati  Antonio Grazia Romano e Paolo Sabbioni creano e concretizzano la querela che viene pubblicata su internet.  
Lunedì 13 gennaio gli italiani potranno presentarsi alle stazioni dei carabinieri depositando la denuncia.
Gli avvocati che per ora hanno aderito sono:
Avvocato Grazia Antonio Romano - Via F. Baracca 16 - 85100 - Potenza
Avvocato Paolo Sannino & Associati - via Isca del Pioppo,144/a, 85100 - Potenza
Studio legale Tiziana Molendi - Via F.Federigi n. 1262 - 55047 Querceta di Seravezza (LU)
Studio Legale Prof. Carlo Taormina Via Cesi Federico, 21 - 00193 Roma (RM)
Studio legale Irmici Giuseppe in San Severo (FG) al Viale Castellana 8/H - 71016 SAN SEVERO
La disperazione e i suicidi (ricordo che da inizio anno sono 30 gli italiani morti) comincia a smuovere la coscienza e la poca forza rimasta a persone che davvero sono stanche di vedere ricchezza nei palazzi della politica e italiani che si suicidano nella indifferenza di chi deve tutelarli in un periodo di crisi mai riscontrata nella nostra storia.
Italiani pronti ad uscire dal mondo virtuale che gridano "giustizia" persone allo stremo che chiedono solo un lavoro o di non perderlo.  
L'evento inizialmente creato da questi cittadini e' stato spostato perche' il contatore dei partecipanti si e' bloccato, ecco il link attuale https://www.facebook.com/events/187052464835335/?source=1 e questo era il primo, dove 200.000 persone sono state invitate
https://www.facebook.com/events/1403273216585206/?source=1  
Istigazione al suicidio in riferimento all'articolo codice penale 580, queste le accuse degli italiani ai nostri governanti: non aver fatto il possibile per i cittadini, non aver istituito numeri e istituzioni locali in grado di aiutare le famiglie in crisi, e questo esposto a parere mio deve andare oltre il fatto che vogliono denunciare e magari metterli in penitenziario i politici, ma evidenzia la voglia in qualche modo di non stare più in silenzio, evidenzia la rabbia e disperazione che copre le nostre città, evidenzia il fatto che qualcosa sta cambiando nei italiani e presumo che non sarà ne la prima e ne l'ultima iniziativa partita da semplici italiani, penso che il 2014 sarà l'anno in cui sarà il popolo italiano a cambiare il sistema, basterà unirli nella loro disperazione e nessuno potrà fermarli, la barca e' in mare e pare che stiano remando per una meta ben precisa, far cadere il governo e ripartire con persone nuove, e forse una uscita dall'euro potrà essere la loro prima mossa.  
Leggevo in questo evento i commenti e credetemi non ho mai visto in questi ultimi anni tanta determinazione da parte di migliaia di persone, e ben vengano finché si rimane nel civile e rispettosi della legge italiana.  
Ecco quindi l'esposto pubblicato che da lunedì in poi gli italiani depositeranno alle stazioni dei carabinieri:
https://docs.google.com/document/d/1tdxdLUyIufba2NwYzlnB4no8_hKlNMnvn19pha_Ca_Q/edit?pli=1
Istigazione al suicidio e' l'accusa e giustizia chiedono ma in tanti pensano che se nulla verrà fatto per loro c'è sempre quella divina.

Io? io sono con i cittadini.

fonte: http://www.affaritaliani.it/cronache/suicidi-querela-di-massa-al-governo130114.html
visto su http://realtofantasia.blogspot.it 


 §§§§§§§§§§

La schiavitù del lavoro & Istigazione al suicidio, 30mila querele contro governi Letta, Monti e Berlusconi

La macchina generatrice del "profitto per pochi" vuole sudditi obbedienti che lavorano per quei pochi che in democrazia vengono mandati dalla massa a scrivere leggi che la opprimono. Poiché i sudditi sono stati abituati sin da piccoli a credere nelle autorità e a tutto ciò che dicono e scrivono, e poiché queste autorità dicono e scrivono che il lavoro è un diritto, le masse obbedienti lo credono davvero tale. D'altra parte, il sistema è stato congegnato in modo che il lavoro appaia come un diritto, anche se è un vile ricatto, un obbligo, poiché per sopravvivere non ci lasciano altra scelta che faticare per l'élite di sistema, la quale si tramanda lo scettro da circa 3500 anni, chiamando il loro potere in tanti modi, ma che è sempre dittatura. FONTE: visto qui

 
Molto probabilmente non servirà a nulla come spesso accadde in situazioni simili, ma sicuramente leggere una notizia simile è un buon modo per iniziare la giornata!!!! Riporto la notizia da Affaritaliani:
Una class action di cittadini si uniscono sul social facebook e creano un evento in sordina ma il risultato e' inaspettato dai organizzatori, 30.000 cittadini si recano alle stazioni dei carabinieri e depositano l'esposto-querela chiedendo alle procure se vi siano responsabilita', da parte delle ultime due legislature , inerenti i suicidi di chi e' colpito dalla crisi ipotizzando "l'istigazione al suicidio" art. 580 c. p.
Qui su il Mattino di Padova:
Istigazione al suicidio dei politici verso gli imprenditori in crisi, la procura ha aperto un’inchiesta. Già tre le denunce arrivate al quarto piano del Palazzo di giustizia, sostanzialmente simili. Il fascicolo per ora è senza indagati, ma nei prossimi giorni il magistrato sentirà i tre imprenditori per capire quali sarebbero, a loro modo di vedere, i comportamenti dei politici degli ultimi tre governi, quelli che si sono succeduti dall’inizio della crisi, che avrebbero indotto decine di piccoli imprenditori a togliersi la vita. Quali sono stati i comportamenti per i quali si sarebbero sentiti minacciati. Sotto accusa i governi Letta, Monti e Berlusconi.
Come riporta anche Libero:
I legali - Da oggi lunedi 13 gennaio gli italiani potranno presentarsi alle stazioni dei carabinieri depositando la denuncia. Secondo quanto racconta Affaritaliani.it gli avvocati che per ora hanno aderito sono: Avvocato Grazia Antonio Romano - Via F. Baracca 16 - 85100 - Potenza, Avvocato Paolo Sannino & Associati - via Isca del Pioppo,144/a, 85100 - Potenza, Studio legale Tiziana Molendi - Via F.Federigi n. 1262 - 55047 Querceta di Seravezza (LU), Studio Legale Prof. Carlo Taormina Via Cesi Federico, 21 - 00193 Roma (RM), Studio legale Irmici Giuseppe in San Severo (FG) al Viale Castellana 8/H - 71016 San Severo.
L'accusa - L'accusa è verso le istituzioni è chiara: "Istigazione al suicidio" in riferimento all'articolo codice penale 580.
Qui trovate il modulo per la denuncia!!!!
 

Nessun commento:

Posta un commento

SALVA O STAMPA IL POST IN PDF

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

CORRELATI

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...